Come accendere un barbecue

Nei mesi estivi, una delle cose certamente più piacevoli da fare in famiglia o in compagnia degli amici è organizzare un barbecue in giardino. Il barbecue, infatti, è un vero e proprio “rito” dell’estate che porta allegria e ci fa vivere momenti di convivialità.

Se state pensando di organizzare un barbecue con i vostri amici, dovete però prima essere certi di una cosa: sapete accendere un barbecue?

 

Come accendere un barbecue: attenzione e sicurezza

Saper accendere un barbecue è fondamentale e questo per evitare il verificarsi di spiacevoli incidenti più o meno gravi. Esistono una serie di regole che è importante rispettare per accendere il barbecue in totale sicurezza.

Come prima cosa scegliete con attenzione il luogo ove intendete collocare il vostro barbecue; preferite le superfici piane e ben riparate dal vento e ovviamente fate attenzione nel collocare il barbecue lontano da fonti infiammabili.

Oltre alla scelta del luogo è fondamentale non utilizzare per l’accensione del barbecue materiali o liquidi altamente infiammabili come ad esempio l’alcool, la benzina o l’acquaragia; per accendere il fuoco preferite materiali più “innocui” come carta, legno sottile o cartone pressato. In alternativa potete utilizzare anche dei blocchetti di accensione appositamente creati per accendere il barbecue; a tal proposito ricordate però di preferire i blocchetti a base di fibra cellulosa ed evitate invece quelli a base di petrolio o di formaldeide.

Prima di accendere il barbecue si consiglia sempre di collocarlo all’interno di un cilindro in lamiera di acciaio, provvisto ovviamente di una griglia e di un manico in legno; sistemato il barbecue in questo modo cominciate a introdurvi la carta da giornale, o altro materiale scelto per la combustione iniziale, avendo cura a riempire la parte inferiore. Contemporaneamente cominciate ad posizionare anche il carbone; in tal modo potete ricreare una specie di “effetto camino”  che vi permetterà di far ardere alla perfezione il carbone. Quando avrete ottenuto carboni ben ardenti, potete cominciare a posizionate la carne, gli spiedini o gli hamburger sulla griglia, facendo attenzione però a non collocare mai la griglia troppo vicina ai carboni.

Per quanto concerne questi ultimi preferite sempre carbone di legno puro perfettamente asciutto; ricordate infatti che le sostanze organiche carbonizzandosi finiscono con il rilasciare benzopireni che se ingeriti sono cancerogeni.

Altra regola molto importante è quella di non cuocere mai la carne direttamente sulla fiamma viva ma di aspettare sempre che si formi la brace; mediamente per la cottura con il barbecue sono necessari dai 20 ai 40 minuti.

Durante la cottura la carne rilascia del grasso, cosa questa che provoca improvvise fiammate; per tale ragione si consiglia di non utilizzare durante la cottura troppo condimento e di preferire oli che resistono al calore come ad esempio l’olio di oliva o l’olio di arachidi.