Come affrontare i 30 anni

Come affrontare nel migliore dei modi il compimento del trentesimo compleanno? Beh pensare che trenta sono meno di quaranta, cinquanta, sessanta… Può sembrare uno scherzo ma aiuta veramente. Il bilancio che si fa quando si stanno per compiere i trent’anni è quasi sempre catastrofico. È la meta dalla quale ha inizio l’età adulta pertanto porta stress e ansia. Inoltre le aspettative e i comportamenti di chi ci circonda di solito peggiorano le cose: Hai un lavoro? Vivi ancora a casa dei tuoi? Hai un fidanzato? Quando ti sposi? E i figli?

Sembra quasi che dopo i trent’ anni si cominci a scadere al pari di un vasetto di yogurt. Non è così quindi rilassatevi, certo non vi potete aspettare che dei quindicenni si rivolgano a voi come farebbero con i loro coetanei ma, la vostra vita è appena cominciata quindi non temete di mettervi in gioco. Anche se tante cose sono già state fatte non è già stato tutto scritto, si ha ancora la possibilità di rivoluzionare la propria vita: non è troppo tardi per scelte coraggiose e cambiamenti.

Non bisogna per forza voler convolare a nozze ma è comunque importante non accontentarsi di un amore di comodo. Anche se ora sembra un traguardo lontano, presto avrai un lavoro che ti permetterà di essere indipendente quindi decidi di vivere questo momento con la persona giusta o da sola, l’importante è non abbandonare i sogni e non accontentarsi.

È importante infine, non abbandonare la goliardia, la voglia di uscire, di esplorare e di conoscere. Certo è cambiato il modo di divertirsi, bisogna accettarlo, ma le pantofole lasciatele a chi ha qualche anno in più. A trent’anni si ha la giusta dose di maturità per apprezzare ogni esperienza, per imparare da queste e per conoscersi meglio.

Pensate poi che, secondo l’Università di Boston, dopo i trent’ anni ogni donna raggiunge l’apice della bellezza fisica, questo giusto per confermare il fatto che questa età, al di là delle apparenze, è la migliore, basta solo viversela bene.