come affrontare la solitudine

La solitudine, può incidere molto negativamente sul nostro benessere, specialmente se non è per scelta. Ovviamente non è una malattia, ma comunque è uno stato d’animo che non va trascurato.
Infatti la solitudine ci da la sensazione di non essere importanti per nessuno, un tale stato d’animo può portare alla depressione. Oggigiorno anche se non si direbbe visto lo sviluppo di social network ecc, la solitudine resta una condizione sempre più in crescita. I ritmi frenetici della vita moderna che non agevolano i contatti umani che se uniti a tratti personali quali timidezza, scarse abilità sociali , creano ulteriori fattori che possono contribuire a peggiorare la solitudine.
Si può battere la solitudine, cercando di aprirsi agli altri, a tal proposito esistono una serie di consigli utili per affrontare queste situazioni.
La prima cosa da fare è fare nuove amicizie, spesso capita che con i vecchi amici non ci sia più il feeling di un tempo, per questo ci si deve ricostruire una vita sociale, cercando di creare delle occasioni di incontro. Esistono molti posti che vi possono aiutare in tal senso come ad esempio palestre, un corsi di ballo, o di teatro oppure una associazione di volontariato. Esistono anche molte associazioni interessanti a cui iscriversi che svolgono attività di cineforum, viaggi di gruppo, ecc. Una volta fatto ciò,sforzatevi di interagire con le persone che incontrate.
È facile intuire che fare il primo passo può essere difficile per una persona più timida. Per ridurre l’ansia, può essere utile ripetere a se stessi che anche gli altri hanno i vostri stessi timori e insicurezze. Durante qualunque nuova esperienza cercate sempre di creare un contatto, ciò può incoraggiare l’altro a dare seguito al tuo spirito d’iniziativa, e noterete che dopo le prime battute, il disagio sparirà.
Durante una conversazione con una persona con cui ci sentiamo al proprio agio, bisogna dosare bene le parole e prestare attenzione alle reazioni dell’interlocutore, cercando di non infastidirlo.
Infatti è facile lasciarsi andare a critiche e giudizi che possono spaventare o infastidire l’altro.
Un altro errore che si può fare è parlare molto e fare poche domande, cercate di ascoltare l’interlocutore e fare domande. Per creare una amicizia è necessario porre la giusta attenzione ai suoi problemi e interessi. Fate domande specifiche che riguardano ciò che ha appena espresso, gli dimostrerete che gli state dando l’attenzione che merita.
Una volta che si è creato un primo contatto non forzate la mano, cercando di essere simpatici a tutti i costi o senza essere assillante. L’insistenza può infatti può danneggiare l’amicizia appena creata.