come affrontare le avversioni alimentari in gravidanza

Durante la gravidanza, una donna sperimenta una serie di cambiamenti fisiologici e comportamentali. Le curiose nausee alla vista di alcuni generi alimentari, sono alcuni dei cambiamenti che la maggior parte delle donne sperimenta. Allo stesso tempo, aumentano le voglie di cibo ed assistiamo agli intensi impulsi di mangiare cibi particolari o che magari generalmente non ci piacciono. Le fastidiose sensazioni di disgusto verso particolari cibi, sapori e profumi, possono provocare nausea o addirittura vomito. Le avversioni alimentari sono particolarmente importanti durante il primo e terzo trimestre della gravidanza. Le avversioni alimentari sono causate da cambiamenti ormonali nel corpo che si verificano durante la gravidanza. Il livello dell’ormone coronarico gonadotropina (HCG) aumenta durante il primo trimestre, ed è il principale responsabile di sintomi come nausea, voglie di cibo e avversioni alimentari. Le donne hanno anche un aumento dei sensi del gusto  e dell’ olfatto in gravidanza e qualsiasi cosa con un forte odore può farti sentire nauseata. Questo a sua volta può causare un’avversione a quel cibo particolare. Alcuni esperti ritengono che certe avversioni alimentari siano il tentativo istintivo del corpo di spingere una donna incinta ad evitare di mangiare alimenti che potrebbero danneggiare la salute di lei o del suo bambino durante la gravidanza. Vediamo insieme allora come  affrontare le avversioni alimentari in gravidanza:

avere una grande varietà di cibi a portata di mano è molto utile. Quando hai molte opzioni sane da scegliere, puoi facilmente  gestire  queste spiacevoli sensazioni.  Essere flessibile con i tuoi pasti per quanto riguarda gli orari può essere utile, tanto per fare un esempio, un uovo potrebbe nausearti a pranzo, ma risultare piacevole  a colazione, ecc.. È bene pianificare i vostri pasti all’ultimo minuto, in modo da non pensare troppo al cibo. Se non decidi cosa vuoi per pranzo o cena fino a 10 minuti prima di mangiare, il tuo cervello non ha il tempo di reagire negativamente. Molte donne in gravidanza non tollerano gli odori forti, quindi magari invece di utilizzare le cipolle e l’aglio nella vostra cucina, è possibile utilizzare le erbe per migliorare il gusto del cibo. Basilico, rosmarino, salvia e timo sono alcune buone opzioni che puoi provare.