Come allattare i gemelli

È possibile allattare naturalmente i gemelli allo stesso tempo? O è preferibile dedicare la giusta attenzione individualmente? Allattare i gemelli è un’operazione in realtà molto naturale, ma bisogna fare attenzione a qualche dettaglio. Vediamo come fare.

 

Allattare i gemelli. Come gestire la cosa

I gemelli possono essere attaccati al seno molto presto. È importante però che la mamma abbia accanto una persona, il padre o un aiutante, che possa agevolare il compito, più che altro da un punto di vista logistico. I gemelli infatti necessitato di allattare ogni quattro ore circa e visto il “doppio ingombro” servirà senz’altro un aiuto. Se poi, al contrario, su richiesta del vostro pediatra, intendete allattare i piccoli quando loro lo richiedono… beh, allora c’è veramente bisogno di un aiuto esterno.

I gemelli possono essere allattati al seno a lungo, poiché la doppia stimolazione implica una produzione di latte che arriva fino a due litri al giorno, sufficienti a nutrire adeguatamente ben due bambini fino a sette chili di peso. Non tutte le mamme sono così fortunate e lo vedremo dopo.

Se i gemelli mangiano in fretta e non danno particolari problemi, è consigliabile allattarli uno per volta. Perché? Così facendo si tende a dare loro una sfera individuale corretta che, al contrario, in un allattamento doppio, andrebbe a cadere, in un certo senso.

Se intendete allattare i gemelli contemporaneamente, è bene adottare una posizione seduta o semisdraiata sorreggendo i piccoli con dei cuscini, lasciandoli frontalmente alla mamma.

Se il latte della mamma non è sufficiente per entrambi i gemelli, è possibile integrare la poppata con del latte artificiale. La somministrazione di questo può avvenire per entrambi dopo la poppata naturale oppure a turno, alternando latte naturale e artificiale.

Se invece la mamma non ha più latte, è bene allattare i gemelli con biberon e grazie all’aiuto di un’altra persona, scambiandosi poi di ‘ruolo’alla poppata successiva, per non interferire con l’intimità che si crea durante questo delicatissimo momento della vita di un bambino, fondamentale per la formazione della personalità futura.