Come alleviare il mal di schiena in gravidanza senza farmaci

Mal di schiena e piedi gonfi sono alla base di una qualsiasi gravidanza. In fondo si tratta di disturbi piuttosto fisiologici per questa particolare fase di vita di una donna, anche se fortunatamente sono soliti presentarsi solo negli ultimi mesi di gestazione.

E’ risaputo però, che la gravidanza e i farmaci non siano molto amici: i fastidi con cui saremo solite confrontarci da qui a nove mesi dovranno essere affrontati senza l’aiuto della farmacologia. Anche il mal di schiena, che generalmente appare intorno al quinto mese, nonostante sia fonte di diversi fastidi dovrà poter essere risolto con soli rimedi naturali.

Con la crescita del pancione, il dolore inizia solitamente a localizzarsi lungo tutto il corso della schiena, per estendersi fino alle scapole o addirittura giungere nella zona glutei: l’aumento localizzato di peso è alla base di tutto questo.

Come ovviare quindi al mal di schiena senza servirsi dei farmaci?

Il primo consiglio è di stendersi durante le fasi più acute del dolore, provando a massaggiare l’area dolente con l’obiettivo di alleviarne l’entità. Un altro aiuto potrebbe giungere dall’utilizzo di una fascia elastica, che tenendo eretta la schiena, ci permetterà di sentire con minore intensità gli effetti del fastidio.

Ma l’aspetto fondamentale è indubbiamente è giocato dalla prevenzione: prima di tutto occorre prestarsi ad un po’ di sano esercizio fisico, così da rinforzare i muscoli e diminuire la tensione del corpo. Dopodiché bisogna prestare attenzione affinché si mantenga una corretta postura in qualsiasi momento della giornata; mentre scarpe comode e con tacchi bassi potrebbero seriamente allontanare il rischio di mal di schiena.
Infine consigliamo di dormire su un fianco, ancora meglio se con un cuscino in mezzo alle ginocchia.

Naturalmente è vietato l’utilizzo di farmaci analgesici o antinfiammatori.

Purtroppo, per il mal di schiena in gravidanza si possono prendere in esame le sole precauzioni che abbiamo descritto: il resto o riguarda la farmacologia (che ripetiamo essere vietata per tutto questo periodo) oppure prevede movimenti impossibili da compiere per una persona col pancione.

La sostanza ahinoi verte principalmente su una considerazione: la pazienza.