Come allineare le anche

Le anche sono una parte del corpo piuttosto complessa, la  zona dei fianchi infatti, è  costituita  da “ingranaggi” del corpo che si muovono attorno al bacino, che comprendono  gambe, spina  dorsale, articolazioni ed osso sacro sacro e che possono  facilmente disallinearsi a causa di una cattiva postura, una posizione di riposo  non idonea, dallo stare seduti troppo a lungo, dalle inefficienze muscolari, da patologie varie e così via.

Riallineare i fianchi pertanto è molto importante, ma non è  facile da fare. Il modo migliore per allineare i fianchi è quello di imparare a stirare e rinvigorire i muscoli dell’anca per supportare i fianchi e la colonna vertebrale al meglio. Vediamo insieme nel dettaglio allora come allineare le anche:

il disallineamento delle  anche sarà  sicuramente individuato da un medico competente che vi indicherà il percorso migliore per ripristinare la  situazione, ma  sicuramente possiamo aiutare questo processo anche noi stessi con qualche piccolo accorgimento, soprattutto se ci troviamo nella  fase iniziale del disturbo.  Per prima  cosa cercate di  evitare di prender peso per evitare di gravare sulle  vostre anche già provate  e poi praticate dell’ attività  fisica mirata, vi sono infatti degli esercizi posturali che vi aiuteranno molto. Stando dritti ed in piedi piegare le ginocchia e mettere un cuscino tra loro  e premere il cuscino con le ginocchia, molto probabilmente se nel rialzarvi sentirete degli scricchiolii, le vostre anche sono disallineate.Quindi cerchiamo di ripristinare la  situazione  con alcuni esercizi mirati. Cominciate sdraiandovi sulla schiena, poi piegate le ginocchia, mettendo i piedi sul pavimento distanti. Poi poggiate il tallone sinistro sul ginocchio destro e tirate la caviglia verso il petto mantenendo la posizione per 10 secondi.  Ripetere per due o tre volte e poi cambiate gamba, ripetendo tutto anche dall’ altro lato. Poi proseguite sdraiandovi  sul lato destro con le ginocchia piegate e fianchi e le gambe l’ uno sopra l’altro. Sollevare il ginocchio sinistro, mentre si gira il piede  il più in alto possibile senza muovere il bacino, quindi abbassare lentamente il ginocchio di nuovo fino a toccare l’altro ginocchio. Anche in questo caso ripetere più volte da tutti e due i lati.