Come appendere i quadri

I quadri sono certamente uno dei complementi di arredo più importante in una casa in quanto arricchiscono gli spazi e danno un deciso tocco di personalità ad ogni stanza.

Tuttavia, appendere i quadri causa sempre qualche problemino, visto che nella maggior parte dei casi per quanto impegno ci si metta, ci si ritrova spesso con quadri appesi storti!

Come appendere i quadri quindi? Come riuscire a posizionarli perfettamente sulle pareti di casa?

 

Come appendere i quadri: una guida utile

La prima cosa da fare prima di procedere è ovviamente quella di valutare con attenzione il posto dove intendete appendere il quadro. Gli aspetti da considerare sono tanti come l’armonia tra il quadro e il resto dell’arredamento o la possibilità di “sacrificare” una parte della parete ai quadri, visto che poi non sarà possibile posizionarvi mobili, almeno non quelli verticali.

Fatto il primo “sopraluogo”, dovete poi decidere in che modo appendere i quadri; potete disporli in verticale così da dare più altezza alla stanza, oppure in orizzontale per rendere le pareti più larghe.

Una volta che avrete deciso la disposizione, passate a fissare dietro ogni quadro dei piccoli cerchi di sughero nei due angoli inferiori e ricordate di disporre i quadri lontano da fonti di illuminazione diretta e con un’inclinazione tra 30° e 60°.

Nel caso in cui vogliate appendere i quadri su una parete del tutto vuoto, valutate con attenzione gli spazi che avete a disposizione, disponendo i quadri dal lato inferiore a quello superiore senza mai partire dal centro del muro.

Se, invece, volete appendere quadri di diverse dimensioni, sia in orizzontale che in verticale, allora il nostro suggerimento è di partire sempre dal quadro più grande, considerando poi questo come il centro intorno al quale si disporranno gli altri.

Ricordate che l’altezza giusta alla quale appendere i quadri è generalmente di circa 1.6 metri; fissata l’altezza cominciate a fissare i chiodi servendovi di una livella ma fate attenzione nello scegliere i chiodi in funzione del peso del quadro.

Prima di cominciare a martellare, segnate con un pennarello il punto preciso in cui volete fissare il chiodo; tenete il chiodo fermo con le dita in posizione obliqua e cominciate a martellare con colpi precisi e decisi, ma attenzione a non farvi del male!

Nel caso in cui dobbiate fissare dei tasselli, munitevi di un trapano indispensabile per ottenere un foro dalle dimensioni inferiori rispetto a quelle del tassello stesso.