Come applicare occhielli per tende

Montare una tenda è un’operazione piuttosto semplice  ed anche i più maldestri possono cavarsela. Tuttavia, i più usano il metodo più tradizionale, cioè quello della colla, se non addirittura i chiodi, non tutti pensano che in effetti c’è una terza opzione, che in un certo senso può risultare anche
molto più conveniente, dal momento che permette alla luce del sole di filtrare meglio all’interno della stanza. Parliamo degli occhielli per tende, o anelli, come vengono spesso chiamati. Possiamo intendere gli occhielli per tende in due modi. I primi sono quelli grandi, che vanno infilati nel bastone che poi andrà a sostenere la tenda. Qui dunque andremo a spiegare come applicare gli occhielli per tende .
La prima cosa da fare è prendere le misure, sia del bastone che della parete, così da sapere quanto lunga dovrà essere la tenda. A questo punto, tramite le viti che troverete nel kit per montare le  tende, potete fissare gli agganci su cui il bastone andrà a scorrere nel sorreggere la tenda. Dopo aver fatto ciò, il bastone va rimosso, poiché gli occhielli a quel punto andranno infilati uno per uno nelle fessure. La ragione di questo processo è che la tenda così può scorrere facilmente senza intoppi.
Il secondo tipo di occhielli per tende è rappresentato da quelli piccoli, che si attaccano ai bordi delle tende, per una questione perlopiù estetica. In questo caso il lavoro è molto di precisione, ma ci sono strumenti adatti che fanno pressoché tutto da sé. Se invece preferite il fai da te anche in
questo caso, prima di tutto dovrete prendere le misure, per sapere di preciso quanto di tela ritagliare per ricavare gli occhielli. La massima larghezza comunque deve essere 5 cm, e deve sempre esserci un margine di distanza. Dopodiché, ritagliate il margine superiore della tela, per poi spuntare i margini e perfezionarle il tutto con la macchina da cucire. Per inserire gli occhielli qui bisogna are attenzione a 3,5 cm dal margine centrale e a 15 cm di distanza l’uno dall’ altro.