come colorare la cera

La cera è un materiale ricavato dal lavorio delle api pertanto in natura la sua colorazione va dal bianco al giallino, se quindi abbiamo l’ hobby di modellare la cera, magari per la realizzazione di graziose candele e/o oggetti decorativi per la casa e/p per realizzare delle simpatiche bomboniere auto- prodotto, chiaramente nasce la necessità di colorare la cera per avere sempre a disposizione una bella gamma di colori per realizzare soggetti sempre più dettagliati e realistici. Se anche voi avete questo simpatico hobby e siete stufi di spender molto acquistando la cera già colorata reperibile in commercio, vediamo insieme come colorare la cera:

per prima cosa dovrete procurarvi 450 gr di cera, 45 gr di stearina, colori in polvere ( un cucchiaino), stoppini di cotone, pennelli ed una confezione di tetrapak da un litro.

Dopo esservi procurati tutto il necessario, cominciate la vostra operazione sciogliendo la cera a bagnomaria, disponendola all’ interno di un pentolino d’ acciaio dal fondo spesso, per evitare di bruciarla e posizionate questo pentolino in una padella contenente dell’ acqua, quindi portate questa sul fuoco e quando l’ acqua comincia a bollire,aggiungete il pentolino con la cera. Su di un altro fornello, lasciate sciogliere anche la stearina, seguendo lo stesso procedimento adoperato per lo scioglimento della cera. Nella stearina liquida dovrete aggiungere il pigmento di colorante in polvere prescelto ( volendo potreste utilizzare anche un vecchio ombretto) e mescolate, se lo gradite, potreste aggiungere anche qualche goccia di olio essenziale o di profumo, per ottenere un composto profumato. Ora versate la stearina colorata alla cera sciolta e mescolate con cura, quindi versate il composto negli appositi stampini e posizionate lo stoppino al centro, lasciandolo sporgere di circa due cm dal livello della cera, aiutandovi con uno spiedino di legno. A questo punto non vi resta che aspettare che la cera si solidifichi per estrarla agevolmente dallo stampo.