Come coltivare il prezzemolo

Il prezzemolo è un’erba aromatica molto utilizzata nella cucina italiana, pertanto c’è chi decide di coltivarla in casa in vaso oppure nel proprio orto. Se coltivato bene il prezzemolo regala tantissime foglie utilizzabili tutto l’anno. Ciò che dobbiamo tenere presente però è che la pianta di prezzemolo ha un ciclo di vita di soli due anni durante i quali produrrà le foglie solo il primo mentre i fiori il secondo.

Di conseguenza è consigliabile estirparla la primavera successiva alla semina in modo da poterla riseminare.

Come seminare il prezzemolo
La geminazione dei semi di prezzemolo avviene tra gli 11 e i 28 giorni dalla semina, di conseguenza prima di procedere è consigliabile tenerli a bagno in acqua tiepida per una notte in modo da accelerare il processo.
Per seminare il prezzemolo è necessario munirsi di terriccio leggero e sabbioso, rigorosamente concimato.
Il periodo migliore per la semina è la primavera, dunque in questo periodo scegliamo un pezzo di terra o un vaso al sole e disponiamo i semi come meglio crediamo. Questi andranno coperti con uno strato sottile di terriccio. Non dobbiamo dimenticare che il terreno dove andremo a piantare i semi dovrà essere sempre umido.

Come trapiantare il prezzemolo

Di solito il prezzemolo difficilmente viene trapiantato, infatti si cerca di seminarlo direttamente nella sua collocazione finale. Ad ogni modo il trapianto può avvenire in qualsiasi momento a partire da 4 – 6 settimane prima o dopo l’ultima gelata.

Come conservare il prezzemolo
Per rendere la pianta produttiva durante tutta la stagione è consigliabile tagliare i rametti esterni e rimuovere i fiori. Per una maggiore produttività si consiglia di tenere la pianta al sole durante la stagione calda e in ambienti coperti durante l’inverno.