come coltivare l’ erica

L’ erica è una pianta perenne di origini africane che produce i suoi fiori nel periodo primaverile ed estivo, molto amata proprio per questi ultimi dai colori vivaci e forti che vanno dal bianco al rosa ed al rosso. La coltivazione di questa pianta è molto semplice, ragione in più per la quale l’ erica è tra le piante d’ appartamento ornamentali più amate. Se anche voi avete il pollice verde ed amate le piante ed i fiori, vediamo insieme come coltivare l’ erica:

fortunatamente questa bellissima pianta non necessita di cure speciali o noiose da mettere in pratica, vi basterà infatti tenerla al coperto nei mesi freddi e portarla invece all’ esterno ( balcone, giardino, terrazza o orto) nei periodi più caldi, la pianta dovrà stare all’ aria aperta (possibilmente in una zona ventilata) ma in ombra o comunque i raggi solari non dovranno colpire la pianta direttamente soprattutto dalle 12:00 alle 16:30 quando il sole è molto forte. Questa pianta non tollera assolutamente il calcare, pertanto quando dovrete annaffiarla dovrete comprare di proposito dell’ acqua distillata o in alternativa riciclare l’acqua prodotta dai condizionatori d’ aria o ancora quella piovana se riuscite a raccoglierla ( quando piove potrete quindi evitare di innaffiare la vostra pianta). Dovrete annaffiare l’ erica il giusto, l’ acqua che le darete non dovrà esser né troppo scarsa al punto di far morire la pianta, né troppo abbondante da soffocarla o provocare pericolosi ristagni, il terreno dovrà essere sempre umido al tatto. Quando fa particolarmente caldo, potrete anche “rinfrescare” l’ erica vaporizzandola con uno spruzzino. Per far crescere al meglio la vostra pianta, ogni due anni dovrete rinvasarla in un contenitore più grande, regolandovi in base alla crescita delle sue radici ed il terreno da preferire sarà anche esso privo di calcare come l’ acqua, quello ideale è un miscuglio di sabbia e torba.