Come combattere il mal di mare

La cinestosi è una risposta del cervello che si manifesta  attraverso fastidiosi sintomi che possono variare da persona  a persona ma in generale sono: forte nausea, vomito, giramenti di testa, spaesamento, vertigini, sudore e tremore. Il cosiddetto mal di mare probabilmente è il più diffuso forse perché le imbarcazioni si utilizzano meno frequentemente rispetto all’ auto, ai bus, all’ aereo ecc. e quindi il cervello fa più fatica  ad abituarsi ai messaggi contrastanti che riceve, infatti mentre gli occhi trasmettono un’ immagine tranquilla e solita, il corpo e l’ orecchio in particolare, percepisce un dondolio fastidioso, confondendo l’ encefalo. E’ possibile comunque limitare gli effetti fastidiosi della cinestosi, vediamo insieme quindi come combattere il mal di mare:

  • Se vi è possibile cercate di dormire o comunque tenete gli occhi chiusi ed evitate di fissare un preciso punto, oppure di leggere, focalizzare l’ attenzione visiva infatti peggiorerà di gran lunga i vostri sintomi, soprattutto la nausea.
  • Molto utile è posizionarsi nella parte centrale dell’ imbarcazione, piuttosto che a  prua o poppa, dove le oscillazioni si avvertono molto di più.
  • Evitate di bere troppo o mangiare pietanze sugose o troppo condite, preferite alimenti sostanziosi e “ secchi”, un panino farcito andrà benissimo.
  • Sedetevi in direzione del tragitto che sta percorrendo il mezzo, non sedetevi mai di spalle.
  • Se la vostra sofferenza è secondo voi eccessiva buona norma è farsi una visita per verificare l’ udito e l’ apparato vestibolare per escludere eventuali problemi di salute.
  • Se già in altre occasioni avete sofferto di mal di mare e siete quasi certi che ne soffrirete ancora, in farmacia potete trovare dei farmaci che non necessitano di prescrizione medica, solitamente a  base di scopolamina, che però inducono sonnolenza.
  • Cercate di non farvi prendere dal panico, è stato provato che la paura stessa di avvertire il mal di mare poi lo innesca fattivamente.
  • In commercio esistono anche dei  braccialetti che esercitano una pressione moderata su parti del corpo solitamente stimolate con  l’agopuntura per aiutare a risolvere il problema.
  • Anche assumere dello zenzero pare che aiuti, ma evitate se siete in dolce attesa oppure dovrete subire ( o  avete già subito) qualche intervento chirurgico.