come combattere l’ onicofagia

Mangiarsi le unghie, ovvero, l’ onicofagia, è un’abitudine comune che molte persone fanno senza nemmeno rendersene conto, una cattiva abitudine  che  inizia durante l’infanzia e può continuare fino all’età adulta. Inconsciamente, le persone cominciano a mangiarsi le unghie, mentre sono coinvolti in un’altra attività, come la lettura, guardare la televisione o parlando al telefono. L’abitudine è praticata soprattutto nei momenti di stress o di eccitazione, o nei momenti di noia o di inattività. Se avete l’abitudine di mangiarvi le unghie, è il momento di smettere. Gli effetti collaterali possono essere infatti molteplici. A volte, Mangiarsi le unghie può essere un sintomo di un problema più grande come il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) o della depressione. Le mani e le unghie sono cariche di batteri, funghi, lieviti e altri germi nocivi. Quando si mettono le mani non lavate e le unghie in bocca, si sta solo aumentando il rischio di infezione . Può quindi aumentare il rischio di verruche e infezione da herpes, così come i problemi di stomaco, infatti una volta all’interno dello stomaco, questi microbi possono causare infezioni gastrointestinali che portano a diarrea e dolore addominale. Se vi mangiate anche le pellicine, i batteri nocivi, lieviti e altri microrganismi possono entrare attraverso delle rotture o abrasioni, aumentando così il rischio di infezione. Le persone che mordono le unghie potrebbero essere esposti a maggior rischio di bruxismo. Senza considerare inoltre l’ aspetto estetico, una mano non curata e con le unghie mangiucchiate, non è il massimo da vedere. Cerchiamo di capire insieme allora come combattere l’ onicofagia:

per prima cosa tagliare le unghie regolarmente e molto corte. In questo modo  la tentazione di mordere  le  unghie dovrebbe essere minore. In farmacia è possibile trovare degli smalti dal sapore amaro o piccantissimo che serve a scoraggiare dal mangiarsi le unghie.Anche farsi ricostruire e decorare le unghie dall’ estetista può essere un valido aiuto, in quanto mentalmente vi spiacerà rovinare il lavoro e i ghirigori dovrebbero scoraggiare ” l’ assaggio”. Quando siete stressati o tesi , provate a giocare con una palla anti-stress per tenere le mani occupate. Se non riuscite a  smettere consultate un medico e prendete in considerazione una terapia comportamentale (come la formazione di inversione abitudine).