Come combattere la muffa negli armadi

Gli armadi, soprattutto per le donne che amano fare shopping, sono il luogo nel quale affidiamo il nostro “bottino”, in essi infatti riponiamo i nostri abiti e chiaramente ci aspettiamo che questi siano spaziosi, comodi e funzionali. Non troppo spesso purtroppo, si pensa però alla salubrità di questi ambienti, i quali restando chiusi per la maggior parte della giornata, possono accumulare un eccesso di umidità, che genera poi muffe, batteri e funghi, causando cattivo odore e danneggiando talvolta i nostri indumenti. Vediamo allora come combattere la muffa negli armadi:

l’ accorgimento più importante da adottare consiste  nel lasciare arieggiare per almeno 2 o tre ore al giorno armadi e cassetti, semplicemente aprendo le ante. Chiaramente dovrete anche pulire spesso gli armadi, spolverandoli almeno un paio di  volte  a settimana  e lavandoli con acqua e sgrassatore universale almeno ogni quindici giorni. Se i vostri armadi dovessero comunque risultare troppo umidi e quando li aprite, avvertite del cattivo odore simile alla muffa, allora dopo un’ accurata pulizia e l’ eliminazione della muffa con un prodotto appositamente formulato, lasciate all’ interno di esso delle bustine contenenti   silice o argilla, che sono studiati appositamente per assorbire l’ umidità in eccesso, si suggerisce di posizionarli principalmente in alto e negli angoli, in quanto questi sono i punti in cui più spesso di forma l’ odiata muffa. Molte persone credendo di proteggere gli indumenti posizionano sui ripiani degli armadi dei fogli di carta, ma in realtà questo espediente non fa  altro che attirare dell’ altra muffa, se proprio dovete, cambiateli spesso e utilizzate della plastica invece della carta. Infine anche un ultimo accorgimento vi sarà utile, ovvero appendere dei sacchettini ( quelli in tulle porta-confetti andranno benissimo) e posizionateci all’ interno delle bucce d’ arancia essiccate unite a  dei chiodi di garofano , questi oltre a tenere lontana la muffa, profumeranno anche gradevolmente l’ armadio.