Come comportarsi in caso di tradimento

Quando sentiamo parlare di tradimento, si pensa tradizionalmente a quello tra due fidanzati, ma si può essere traditi anche in un rapporto d’amicizia, in tutti i casi, quando si vuol bene davvero a qualcuno, non è mai una cosa da nulla Una volta qualcuno mi ha detto, è più facile tradire che perdonare un tradimento … beh a distanza di tanto tempo continuo a non dargli ragione, non perché ce l’abbia ancora con quella persona, ma perché sono convinta che per tradire ci voglia un bel coraggio e soprattutto non è vero che un gesto del genere non abbia un fondamento, un significato, insomma un tradimento ha sempre una motivazione ben precisa,! Infatti se si va in fondo alla questione, se si scava nel proprio rapporto con l’altro, troveremo sempre delle risposte a questo comportamento. Vediamo assieme, quindi, come comportarci in caso di tradimento:

quando ci viene rivelato di essere stati traditi oppure lo si scopre da soli, non credo che ci sia bisogno di cercare di giustificarsi, affermando che si è tradito il proprio partner solamente con il corpo e non con la mente ne di farsi convincere che questa frase sia vera perché credo che non ci sia nulla di più intimo di un rapporto fisico con un’altra persona, se il partner ci dice una cosa del genere vuol dire che probabilmente non ha mai amato veramente. Quando si ama davvero, la scoperta di un tradimento è devastante perché viene tradita la fiducia che si è riposta in un altro essere umano, che ci ha visto nudi sia nel corpo che nell’anima. Sapere che questa persona ci ha preso in giro, per una notte o per una vita , in questo caso, non avrà molta importanza … dunque credo che la cosa migliore sia di lobotomizzarsi il cervello per dimenticare l’accaduto! scherzi a parte … la cosa migliore sarebbe evitare di rimuginare sull’ accaduto, evitare di colpevolizzarsi, di cercare di capire le motivazioni che hanno portato quella persona a farci tanto male e concentrarsi invece sulla propria nuova vita … senza di lei.