come comportarsi se si soffre di tremore

Il tremore alle mani sono un problema molto comune che colpisce molte persone, anche giovani e può creare un certo disagio. La causa più comune  è una condizione chiamata tremore essenziale, che si verifica a causa di un  disguido nel normale funzionamento del cervello e  del cervelletto e può essere influenzato da altre patologie  come la tiroide iperattiva, disturbi cerebellari e la malattia di Huntington, ma può anche essere un effetto collaterale  di alcuni farmaci, oppure può  dipendere da un abbassamento degli zuccheri nel sangue. Anche lo stress, l’ansia e il nervosismo può innescare un episodio di mani tremanti.Anche se non è un problema grave, questo  disturbo può rendere difficoltose le normali attività quotidiane e comunque è importante prendere sul serio questo problema, in quanto potrebbe essere un segnale di avvertimento precoce di alcune patologie neurologiche e degenerative. Vediamo insieme allora come comportarsi se si soffre di tremore:

Prima di provare un’opzione di trattamento, è importante prima determinare la causa delle mani tremanti. Se il problema è dovuto ad una condizione medica di base, il trattamento di questa condizione può ridurre o eliminare il problema. Alcune persone invece semplicemente cambiando stile di vita ed attraverso alcuni rimedi casalinghi possono  contribuire a migliorare i sintomi. Lo stress è uno dei fattori principali che contribuiscono ad innescare episodi di mani tremanti. Quindi, si dovrebbe cercare di rilassarsi e ridurre lo stress e la tensione nella vostra vita , per quanto è possibile. Per ridurre lo stress, la meditazione è una delle migliori opzioni possibili. Anche bere camomilla può essere d’ aiuto, essa è infatti una pianta che ha proprietà lenitive e calmanti, quindi può aiutare a calmare il sistema nervoso, così come ad eliminare lo stress e l’ansia. Cercate  di mangiare alimenti ricchi di omega 3, magnesio e vitamine B12, B1 e B6, essenziali per mantenere i nervi sani e proteggerli da eventuali danni, cercate invece di eliminare o  di ridurre al minimo il consumo di caffè.