come conservare i capperi

I capperi sono dei boccioli provenienti da un arbusto coltivato in tutto il bacino del Mediterraneo, soprattutto in Sicilia, molto amati in cucina, anche  nella  versione  più grossa  e dal sapore più  delicato. Oltre a conferire notevole sapore ai nostri piatti, i capperi pare che portino anche dei benefici al nostro organismo, chiaramente, se privati del sale, essi infatti  apportano tante vitamine e sali minerali, inoltre hanno proprietà diuretiche e aiutano a rinforzare i vasi sanguigni e le  difese  verso gli allergeni. I capperi in genere vengono conservati sotto  sale, ma non è insolito trovarli conservati sottolio o sottaceto, per poi essere usati per insaporire  sughi e pietanze varie, come  carne  e pesce. Vediamo insieme allora, come  conservare i capperi:

conservare i capperi sotto sale in casa è molto semplice, vi serviranno infatti capperi freschi e sale grosso, il rapporto per la conservazione sara di 1:1, quindi per 100 g.  di capperi, vi serviranno 100 g. di sale  grosso. A questo punto procedete lavando con cura i capperi, poi scolateli e lasciateli asciugare, meglio se al sole.  Poi procedete con la  sterilizzazione del vasetto o dei vasetti che vi occorrono e disponete sul fondo una manciata  di  sale, poi una di capperi e così via, a  strati alternati. L’ ultimo strato, che dovrà essere un pò più  spesso degli altri e terminare  con il  sale,  quindi chiudete il tappo e conservate  in un luogo fresco e asciutto, fino ad un anno massimo.  Volendo potreste anche conservarli sottaceto, dopo averli lasciati a macerare un paio  di giorni sotto sale, quindi procedete a  conservarli sottaceto, sempre nel rapporto 1:1. Prima dell’ utilizzo poi, i capperi, vanno  sempre sciacquati abbondantemente o tenuti a bagno, affinchè perdano il spore eccessivamente salino ed aromatico.