Come correggere l’ alluce valgo

Molto frequente sulle donne, l’alluce valgo, anche detto volgarmente cipolla, è una patologia che può portare seri fastidi, dolori, infiammazioni e disturbi estetici.

Nello specifico l’alluce valgo si ha quando la testa del primo metatarsale (l’osso sul quale si articola la falange del primo dito del piede) sporge verso l’esterno e di conseguenza il dito devia verso le altre dita, favorendo l’insorgere di deformità anche in queste ultime.

I lievi fastidi iniziali, quali arrossamento e gonfiore, se non curati, peggiorano e portano alla formazione di una protuberanza sempre più accentuata e a lesioni osteoarticolari serie. Il dolore diviene sempre più forte fino a limitare il piacere di camminare.

La cura a questo disturbo varia a seconda del livello di malformazione. È una patologia seria la cui diagnosi e cura spetta all’ortopedico in primis e al fisioterapista in seconda battuta. Esistono infatti casi che possono essere trattati solo con la chirurgia, altri che richiedono l’uso di strumenti come fasce e divisori per riportare l’alluce nella posizione corretta, così come potrebbero essere necessarie cure farmacologiche per ridurre il dolore e l’infiammazione.

In genere gli esercizi più comuni sono:

Pallina: si esegue anche in fase di prevenzione visto che è molto indicato per evitare il peggioramento dei sintomi infiammatori. Occorre solo una pallina abbastanza morbida della grandezza di una da tennis. In posizione eretta bisogna muovere dolcemente l’arto sopra la pallina (senza effettuare un’eccessiva pressione) dall’arco plantare fino alle dita e in direzione opposta fino al tallone.

Muro: è molto simile al precedente però si sta stesi con in piedi vicino al muro e le ginocchia piegate. Alzate i piedi dal muro gradualmente a partire dal tallone fino alle punte, quindi si stimola l’area d’appoggio con una lievissima pressione prima su falangi, poi su arco e talloni. A ogni passaggio si dovrà mantenere la posizione per circa 5 secondi.

Rotazione: seduti con le gambe distese e rilassate bisogna muovere l’alluce in senso circolare orario o antiorario per circa dieci secondi, dopo di che bisogna cercare di estendere lateralmente il dito e mantenere la posizione per altrettanti secondi. Questo esercizio può essere troppo doloro e difficile per chi ha una malformazione grave quindi in tal caso non va eseguito.

Camminata: camminare a piedi nudi in casa o meglio ancora su una spiaggia può aiutare molto la correzione dell’alluce valgo. Fate attenzione a mantenere il piede dritto e non sporgente verso l’esterno, fate dieci passi e poi fermatevi, piegate un po’ le ginocchia e mettetevi sulle punte (cioè solo le dite devono stare schiacciate a terra) e contate fino a cinque. Ripetete l’esercizio.