come costruire una lampada led

 

Le lampade a led (Light Emitting Diode) assicurano circa undici anni di vita con una illuminazione continua, ad una temperatura di circa venti gradi centigradi e con una corrente di venti mA (milli Ampere). Queste caratteristiche sono superiori ad una qualsiasi lampada alogena e assicurano un risparmio senza precedenti in bolletta. L’innovazione tecnologica può essere di grande aiuto nel campo del risparmio energetico e il led è una soluzione perfetta per chi non vuole rinunciare ad una buona illuminazione senza però spendere troppo.

Per fare una lampada a LED occorre procurarsi: N°2 Condensatori in Poliestere: 1°(330nF 400V) 2°(470nF 400V), un fusibile da 400mA, 250V, resistenze da: 2 x 560 Kohm, 22 ohm, 220 ohm, un ondensatore elettrolitico da 22 microF da 400 V, un ponte a diodi (Ponte di Graetz) 1N4007 , un breadboard da 1280 contatti e LED luce bianca da 5 mm. Tutti questi componenti sono reperibili senza troppa fatica su Internet oppure in un negozio di elettronica al dettaglio.

Il primo passo da compiere è preparare la forma su un cartoncino o su del compensato. Ricoprite la base con della carta argentata e praticate dei fori dove desiderate e inserite i led. La carta argentata serve da isolante e crea un effetto specchio che aiuta ad ottenere una luminosità maggiore.

Saldate “a stagno” il piedino positivo del primo led a quello negativo del secondo e via di seguito. Al termine deve rimanere il primo diodo con il piedino negativo non collegato e l’ultimo con il piedino positivo non collegato. Ora bisogna collegare i vari elementi acquistati ed alla fine, sulla basetta breadboard, collegare anche l’alimentazione alternata da una parte ed i led dall’altra. Questo circuito può funzionare tranquillamente con la rete di alimentazione domestica a 220 Volt, sfruttando i principi dei diodi raddrizzatori e la capacità dei condensatori di livellare la tensione. Possiamo inserire la nostra lampada in un portalampada, appenderla al muro o al soffitto a seconda di quello che ci occorre.