come cucinare i crauti

I crauti sono una verdura precotta (la verza) venduta in scatola, molto utilizzata come contorno, soprattutto nei paesi del Nord- Europa. Li troviamo immersi in un liquido dal sapore acidulo, simile all’ aceto. Essi sono di colore verde chiaro, ma talvolta possiamo trovare anche quelli rossi (cavolo cappuccio) e vanno consumati previa cottura, solitamente per farcire un panino tipo hot-dog o come contorno d’ accompagnamento ad altre pietanze. Se li avete provati in occasione di un viaggio all’ estero o in un pub della vostra città e vi sono piaciuti, forse avete voglia di mangiarli anche a casa vostra, vediamo insieme allora come cucinare i crauti:

solitamente i crauti in scatola, prima di essere mangiati vanno cotti, da soli o unitamente ad altri ingredienti, solitamente si tratta di carne. In particolare vi occorreranno 1 barattolo di crauti, 1 cipolla, 3 cucchiai d’olio (o una noce di burro), 1 bicchiere di vino (o brodo o acqua) ed una presa di sale. Prendete un colapasta, aprite la scatola di crauti e scolateli con cura, intanto tritare con minuzia la cipolla e lasciatela soffriggere in una padella antiaderente dove avrete messo a riscaldare l’olio o il burro. Quando la cipolla sarà bella dorata, aggiungetevi i crauti scolati e fateli rosolare per alcuni minuti, avendo cura di mescolarli. Aggiungete ora il vino bianco oppure l’ acqua o il brodo e continuate la cottura a fiamma bassa, lasciando evaporare i liquidi. Quando il liquido sarà evaporato aggiustate di sale e terminate la cottura per un’ altra manciata di minuti. Quindi farcite pure i vostri panini o serviteli come contorno.