Come cucinare il fegato alla veneziana

Il fegato alla veneziana è una delle ricette più conosciute ed apprezzate della cucina italiana, in particolare questa ricetta risale all’ epoca degli antichi romani, i quali erano soliti preparare il fegato insieme ai fichi, sia per attutirne l’ odore, sia per ottenere un gustoso mix di sapori, poi in seguito i veneziani sostituirono i fichi con la cipolla, creando una ricetta ben bilanciata e dal sapore deciso, che se desiderate smorzarlo, potreste evitare di mettere il burro e potreste diminuire la quantità di cipolle. Vediamo allora come cucinare il fegato alla veneziana:

per prima cosa vi occorreranno tutti gli ingredienti utili, per preparare questo ricco secondo piatto, per 8 persone, ovvero 1kg. di fegato di vitello, 4 cipolle bianche, 1 bicchiere di olio di oliva, 60 g. di burro, 2 cucchiai d’ aceto, sale q.b., pepe q.b.

Con gli ingredienti pronti passate pure alla preparazione della ricetta tagliando le cipolle a  fettine molto sottili, poi in una padella disponete l’ olio d’ oliva ed il burro ( quest’ ultimo può essere omesso e sostituito con olio) e lasciate riscaldare a  fiamma bassa, poi quando il burro sarà completamente sciolto e comincia  a sfrigolare, unitevi pure il trito di cipolla e lasciate appassire fino a completa doratura della cipolla, di tanto in tanto abbiate l’ accortezza di mescolare per evitare che la cipolla si bruci o si attacchi alla padella. Dopo circa 10 minuti unite pure l’ acete di vito e lasciate sfumare, quindi aggiungete anche il fegato a  fettine o a straccetti e lasciatelo cuocere per circa 5 minuti a fiamma viva, girando di tanto in tanto le fettine. Poi quando il fegato vi sembrerà cotto ( e non vi sono tracce di sangue), aggiustate di sale ed aggiungete il pepe per insaporire ulteriormente, impiattate e servite pure, accompagnando il fegato con la crema di cipolle che si sarà formata.