come cucinare il tacchino

Il tacchino è un animale simile al pollo, molto apprezzato in cucina in tutto il mondo ed in particolar modo in America, dove sono soliti festeggiare il giorno del ringraziamento proprio preparando il tacchino intero, farcito, che poi accompagnano con una deliziosa crema ai mirtilli. Ma vi sono diversi modi per cucinarlo ed ognuno di questi rende giustizia a queste carni bianche. Il tacchino è una carne molto delicata e poco calorica, indicata pertanto anche per coloro che sono dieta, inoltre potete prepararlo anche in occasione di una cena, ed in poche mosse otterrete un secondo piatto da leccarsi i baffi, sufficiente per molte persone. Se anche voi allora intendete preparare preparare questa gustosa carne, vediamo insieme come cucinare il tacchino:

per cucinare il tacchino al forno dovrete procurarvene uno bello grande, disossato, poi passerete ad eviscerarlo e pulirlo con cura sciacquandolo ripetutamente sotto il getto dell’ acqua. Dopo aver pulito il tacchino asciugatelo aiutandovi con un canovaccio pulito, poi trasferite il tacchino su di un tagliere e ricopritelo con una miscela di sale e pepe e maneggiatelo con cura affinchè resti coperto ogni punto. A questo punto potrete farcire all’ interno il vostro tacchino assecondando il vostro gusto, con verdure e patate, uova, pancetta, piselli ecc.., quindi suturatelo a dovere con dello spago da cucina . A questo punto in un tegame grande versate un goccio di olio extra- vergine di oliva e portatelo sul fuoco a riscaldare. A questo punto poggiate il tacchino all’ interno e lasciatelo rosolare per qualche minuto, poi ungetelo con il burro fuso ed infornatelo a 180°, verificando la cottura di tanto in tanto. Se il vostro tacchino dovesse risulare troppo asciutto è buona norma renderlo umido con dell’ olio oppure aggiungendo del brodo. Quando il vostro tacchino risulterà ben dorato e cotto, potrete sfornarlo, poi aspettate che si raffreddi e procedete a tagliare lo spago, quindi affettate e servite,