Come cucinare le lumache

Le lumache sono un piatto tipico soprattutto francese, ma amate ed apprezzate in tutto il mondo, dove vengono preparate in diversi modi e varianti che rispettano anche le tradizioni regionali e locali. Quella che vi proponiamo oggi, forse è la più semplice e utilizzata variante, presa in prestito dalla tradizione sarda, vediamo insieme quindi, come cucinare le lumache:

per prima cosa dovrete procurarvi tutto il necessario per cucinare, vale a dire 1 kg. di lumache, del peperoncino, del pomodoro fresco, una presa di sale, vino bianco, uno spicchio d’ aglio, un trito di prezzemolo, basilico q.b., olio extra-vergine di oliva q.b., pomodori secchi q.b. Con tutti gli ingredienti alla mano potete quindi passare a cucinare le vostre lumache facendole prima spurgare, ovvero esse dovranno eliminare tutto quello che hanno ingerito, dovrete quindi tenerle all’ interno di una retina per circa una settimana a digiuno. Trascorso questo tempo potrete cuocerle direttamente facendole bollire in acqua bollente e sale, questo farà si che le lumache escano dal guscio e siano perfettamente pulite. Procedete incidendo delicatamente la pelle dei pomodori e tuffateli in acqua bollente per qualche minuto, in questo modo riuscirete rapidamente ad eliminare la pelle dei pomodori, nel frattempo, in una padella, fate riscaldare dell’ olio extra vergine di oliva con il peperoncino ed uno spicchio d’ aglio all’ interno, quando questo sarà dorato ed avrà rilasciato un bel profumo, potrete toglierlo dalla padella e versare i pomodori preparati in precedenza, poi a metà cottura, unite il trito di prezzemolo ed il pomodoro secco sminuzzato ed amalgamate tutto. Aggiungete adesso anche le lumache precotte private del guscio e lasciatele insaporire nel sughetto, coprendo con il coperchio. Dopo circa 10 minuti, sollevate il coperchio ed aggiungete un bicchiere di vino bianco e lasciate sfumare, poi quando andrete ad impiattare, servite con qualche fogliolina di basilico fresco.