Come cuocere al vapore

La cottura al vapore è una  tecnica utilizzata in cucina che non prevede contatto diretto tra l’ alimento e l’  acqua, il primo infatti è poggiato su di una base bucherellata e sotto di essa vi è l’  acqua bollente. Il vapore prodotto consente la cottura ottimale dei cibi ed è molto salutare perché non prevede l’  aggiunta di grassi e gli alimenti cotti perdono solo piccolissime percentuali  di vitamine e sali minerali, preziosi per l’ organismo, si rende particolarmente utile pertanto per le persone che sono  a dieta oppure che conducono una vita molto frenetica ed hanno poco tempo  a disposizione per cucinare, è infatti una cottura che avviene in pochissimo tempo (da 1  a  10 minuti). Vediamo insieme come cuocere al vapore:

  • Da cuocere al vapore sono particolarmente indicati i cibi molto delicati, come pesci e crostacei, verdure e pollame ( ricordate nel caso della carne e del pesce di fare una marinatura preventiva).
  • Evitate invece di cuocere al vapore molluschi, mitili e carni rosse, in quanto irrigidirebbero troppo.
  • Per cuocere al vapore vi occorreranno i giusti utensili ovvero, un cuoci-vapore elettrico, una pentola  a pressione, il cesto di bambù, oppure una semplice pentola sulla quale posizionerete  un colapasta metallico ed un canovaccio pulito.
  • Qualsiasi utensile abbiate  scelto per cuocere  al vapore, sappiate che lo  schema è sempre lo stesso, ovvero dovrete poggiare l’ alimento sulla base forata e lasciare che il vapore lo cuocia, è anche possibile cuocere più alimenti simultaneamente avendo cura di mettere il cibo che cuoce più lentamente  a contatto più diretto con il vapore, poi impilandoli man mano, gli altri  alimenti che necessitano di minor cottura, più lontani dal vapore diretto.
  • Se desiderate conferire alle vostre pietanze un particolare aroma e profumo, allora vi toccherà aggiungere all’  acqua utilizzata per produrre il vapore aromi e/o spezie.