Come curare i dolori intercostali

dolori intercostali sono fitte o crampi, molto dolorosi  a carico della zona circoscritta dalla gabbia toracica, che interessando parecchi organi, ossa, muscoli ecc.. possono dipendere da diverse cause, non sempre identificabili subito, se non con esami medici approfonditi. Tra le cause che riguardano le ossa sono da  annoverare scoliosi, ernia  al disco, artrosi, infiammazioni a carico delle costole o dello sterno, ma  anche fratture, fuoco di Sant’ Antonio o semplici distorsioni. Le cause che interessano gli organi potrebbero essere anche abbastanza gravi, pertanto non sottovalutate nessun segnale, infatti potrebbero esserci problemi cardiaci o polmonari. Altre cause potrebbero interessare organi extra toracici (stomaco, pancreas, milza e vie biliari) oppure la sfera emotiva (  ansia, stress o esaurimenti nervosi). Anche fattori congiunturali come  i cambiamenti climatici, oppure una eccessiva  attività fisica possono favorire o  acuire l’ insorgere di  questi fastidi. Vediamo quindi come curare i dolori intercostali:

per prima cosa non prendete  sotto gamba  alcun sintomo  associato  ai dolori intercostali, per prevenire, curare e  soprattutto prendere in tempo determinate patologie. Se avvertite dolori allo sterno, che  si irradiano anche al braccio sinistro e avvertite fame d’ aria e sudorazione fredda, potrebbero esserci problemi cardiaci. Se il dolore invece è localizzato sulla schiena, all’  altezza delle scapole, potrebbe trattarsi di un problema muscolare o peggio polmonare. Se avvertite forti dolori all’  altezza del fianco destro potrebbero esserci problemi  al fegato, oppure viceversa, se i  dolori  sono localizzati  al fianco  sinistro potrebbe trattarsi  di problemi delle vie biliari. Se oltre ai dolori intercostali invece siete agitati, in preda  ad attacchi di panico e stress molto probabilmente i vostri problemi  sono legati alla sfera emotiva.  In tutti  questi casi è molto indicato che contattiate i medici più indicati per farvi visitare, diagnosticare e curare eventuali patologie. Se invece i vostri dolori  sono chiaramente attribuibili  agli  sbalzi di temperatura e soprattutto al freddo vi  suggeriamo di coprirvi bene e di tenere sulla zona dolorante una orsa d’  acqua calda, oppure posizionatevi vicino ad una fonte di calore diretta. Se invece i dolori  sono sorti in seguito ad una intensa  attività fisica, oppure in seguito  ad uno  sforzo fisico eccessivo, vi  suggeriamo di starvene  a riposo per  qualche  giorno e riprendere poi in maniera graduale.