Come curare i geloni

Curare i geloni richiede tempo e pazienza. Vediamo come fare

 

Cosa sono i geloni?

Con il termine ‘geloni‘ ci si riferisce solitamente a delle infiammazioni cutanee, spesso dolorose, che interessano le estremità del nostro corpo, in particolar modo le mani e i piedi.

Da cosa vengono causati? I fattori che influiscono sulla formazione del fenomeno sono il freddo e una cattiva circolazione sanguigna. Spesso non basta coprirsi a sufficienza e bisogna ricorrere a ben altri rimedi per curare i geloni.

 

Come curare i geloni?
Tra i metodi base c’è ovviamente l’utilizzo di guanti di lana per proteggere le dita, cappellino e sciarpa per le orecchie, ma soprattutto calze e scarpe con un buon rivestimento interno.

C’è da sapere che le dita dei piedi sono le parti più colpite e difficili da curare, anche perché una volta formatisi i geloni possono dare origine anche a rigonfiamenti e nei casi peggiori a infezioni, per questo bisogna agire in tempo con cure adeguate.
Tra le cure base consigliate, da praticare anche a casa, c’è la ginnastica vascolare. L’obiettivo di questo procedimento è quello di riattivare la circolazione nella zona infiammata agendo sui vasi sanguigni, a più riprese va immersa la parte interessata in acqua fretta alternata ad acqua calda per circa una ventina di secondi.
È altrettanto utile associare un buon massaggio, specialmente se si decide di utilizzare una crema, con piccoli movimenti circolari dal basso verso l’alto.

Si possono utilizzare anche olii naturali, per lenire la parte infiammata, come il bergamotto e la lavanda.

Un altro rimedio naturale è quello di preparare un balsamo lenitivo con olii e burri vegetali.

A livello farmacologico meglio optare per una crema a base di cortisone, alternandola nel caso di infezione, ad una a base di antibiotici.

 

Gli unici svantaggi nel curare i geloni sono il tempo e la costanza da dedicare al problema e i risultati che possono anche arrivare dopo diverso tempo. Il vantaggio è quello di risolvere il problema o quanto meno ridurlo e arginarlo.