Come curare il prurito

Il prurito è generalmente una piccola irritazione della pelle che può avere origini diverse in quanto causato da lievi intossicazioni alimentari, da ritenzione idrica, da punture di insetti o da altri tipi di fattori. Il prurito, se  persistente nel tempo, non deve comunque essere sottovalutato in quanto in alcuni casi può essere la “spia” per la presenza di patologie magari più preoccupanti.

Per curare il prurito non esiste un’unica soluzione, in quanto la cura varia a seconda della causa che lo ha scatenato; in linea di massima però è bene ricordare che se non si conosce la causa del prurito non bisogna assumere in maniera autonoma farmaci come antistaminici o cortisonici, preferendo invece delle cure di tipo naturale che vi aiuteranno ad alleviare il fastidio.

 

Come curare il prurito: qualche consiglio utile

La prima regola da seguire è quella di evitare di grattarsi; il sollievo infatti è del tutto momentaneo, anzi il fastidio non solo ritorna immediatamente ma si fa anche più acuto. Cercate quindi di resistere e di toccare quanto meno possibile la zona interessata da prurito.

Un buon metodo per alleviare il fastidio potrebbe essere quello di utilizzare delle creme idratanti, preferendo quelle a base di olio alle mandorle dolci o di avocado e germe di grano. Importante è anche curare l’alimentazione, cercando di arricchire quanto più possibile la vostra dieta con frutta e verdura e limitando, invece, il consumo di cibi contenenti zuccheri raffinati o di piatti troppo piccanti e speziati. Attenzione anche all’abbigliamento; evitate di indossare abiti realizzati con tessuti sintetici, limitate l’uso di calze o pantaloni troppo aderenti e quando siete in spiaggia cercate di non tenere addosso il costume bagnato al fine di evitare la proliferazione di micro-organismi.

 

Come curare il prurito: i rimedi naturali

Ci sono poi moltissimi rimedi naturali che possono aiutarvi a curare il prurito.

Per alleviare il fastidio ed evitare di grattarvi potete applicare sulla zona interessata un olio a base di centocchio o di carbonato di zinco, prodotti che potete reperire facilmente in erboristeria.

Nel caso in cui il prurito sia causato da un brufolo, allora potete lenirlo applicando sulla zona un composto ottenuto sbriciolando una fetta di pane con 2 cucchiai di latte caldo; preparate il composto e spalmatelo su una garza e quando si sarà raffreddato ponetelo sul brufolo per almeno 10 minuti. Se non avete tempo, potete anche utilizzare una fetta di patata cruda da applicare sempre sull’area interessata per almeno 10 minuti, mentre se il prurito è causato dal cambio di stagione o da un’eccessiva secchezza della pelle allora potrebbe essere utile fare un bel bagno alla menta peperita oppure applicare sulla zona interessata un composto preparato con parti di miele e di polvere di cannella.

Tra gli altri rimedi naturali utili per curare il prurito segnaliamo:

  • Farina d’avena, da sciogliere in acqua calda e da passare sulla zona interessata
  • Soluzione di aceto di mele e acqua
  • Soluzione di aceto bianco di vino e acqua
  •  Aloe vera
  • Soluzione di bicarbonato di sodio e acqua
  • Olio di Neem
  • Spugnature di tè verde o di fiori di lavanda

 

Nel caso in cui il prurito interessa le parti intime, non indossate indumenti sintetici e colorati,  ed evitate le calze e i pantaloni troppo stretti in quanto comprimendo la zona genitale ne compromettete la corretta traspirazione favorendo così le infezioni e quindi il prurito.