Come curare l’ unghia incarnita

L’ unghia incarnita se trascurata può trasformarsi in un problema serio ed influenzare negativamente il resto del corpo, è pertanto necessario farsi visitare e talvolta ricorrere ad un vero e proprio intervento chirurgico. Nel caso il medico vi abbia detto che non dobbiate operarvi o nell’ attesa di quel giorno, potrete aiutarvi in casa, con qualche rimedio della nonna, vediamo allora come curare l’ unghia incarnita:

per prima cosa dovrete fare dei pediluvi con acqua calda, nella quale avrete disciolto del bicarbonato di sodio, più volte al giorno di circa 20 minuti, questa operazione aiuterà la zona  a sgonfiarsi, vi aiuterà  a rilassarvi, terrà la zona pulita e quindi i germi lontani ed attenuerà il vostro fastidio. Quando il piede è a bagno aiutandovi con le mano massaggiate i piedi ed in particolare la zona dolente, quindi asciugatevi delicatamente con un asciugamano, evitando di sfregare, dovrete invece tamponare. Se l’ unghia è cresciuta potrete tagliarla, ma fate molta attenzione a non ferirvi e a non tagliarla troppo corta. Passate ora a disinfettare il punto dolente ed inserite un sottile filo sotto l’ unghia e sollevatela delicatamente, proverete subito un piacevole sollievo, poi tra la pelle e l’ unghia inserite un pezzetto di garza sterile ed applicate una crema  apposita, che potrete trovare  in farmacia, poi ricoprite con della garza sterile senza stringere. Quando uscite chiaramente non potrete indossare delle scarpe chiuse, magari in inverno potrete ovviare al disagio acquistando delle scarpe aperte in punta, oppure ritagliare delle scarpe vecchie in quel punto preciso. Quando rientrate in casa, il peso del corpo sul vostro piede sicuramente avrà fatto peggiorare il vostro dolore ed avrete sudato, quindi molto utile sarà disinfettare con cura la parte, con qualche goccia di succo di limone o di tea tree oil, dopo aver tenuto i piedi in ammollo in acqua calda con Sali al solfato di magnesio disciolti all’ interno e dopo averli lavati con del sapone antibatterico.