come curare la balanite

Con il termine balanite si intende un’infezione, che causa infiammazione, a carico della pelle che riveste il tratto finale della sommità del pene, che colpisce con maggior frequenza gli uomini integri, nel senso che non sono stati circoncisi, ma anche in quest’ ultimo caso, anche se meno frequente, può succedere. Questa infezione può avere origine da varie cause, come l’ attecchimento di lieviti o batteri, come ad esempio la Candida, generalmente contratta dalla compagna, o da malattie trasmissibili sessualmente come l’ herpes, ma anche da problematiche legate alla scorretta igiene o della pelle come la psoriasi, o rari tumori dell’ epidermide, anche un aumento della glicemia e problemi di diabete possono portare alla balanite in quanto la presenza elevata di zuccheri nelle urine va a costituire un ambiente favorevole all’ insorgere dei batteri. I sintomi più comuni che permettono poi al medico di fare una corretta diagnosi sono un’ infiammazione del glande e del prepuzio, delle fastidiose perdite ed un prurito e bruciori a carico della zona insistenti. Vediamo allora come curare la balanite:

in farmacia è possibile acquistare dei medicinali che non necessitano di prescrizione medica, ma è comunque opportuno farsi visitare, anche per escludere eventuali patologie ad essa connesse, come ad esempio il già citato diabete. Solitamente viene prescritto un antimicotico da applicare localmente, più volte al giorno, e compresse da ingerire, la medesima terapia generalmente viene fatta eseguire anche alla compagna al fine di evitare di contagiarsi reciprocamente più volte. Talvolta possono essere prescritti anche degli antibiotici e dei detergenti intimi specifici al fine di attenuare i fastidi. Può essere utile inoltre ricorrere ad alcuni rimedi detti “della nonna”, che in modo naturale, aiutano a ripristinare le condizioni iniziali, può ad esempio essere utile diluire nell’ acqua del lavaggio della zona interessata del bicarbonato di sodio, che ha potere disinfettante ed antibatterico, o in alternativa disciogliere in acqua qualche goccia di olio essenziale di tea tree. Anche l’ applicazione locale di yogurt bianco o del gel d’ aloe vera, sembrano apportare dei vantaggi.