Come curare la polmonite

La polmonite è una malattia infiammatoria che interessa i polmoni. Può essere molto grave, in alcuni casi anche mortale, e può colpire chiunque ma le persone più a rischio sono anziani, neonati e pazienti affetti da malattie croniche. L’infiammazione è la normale reazione del sistema immunitario all’infezione causata dai microrganismi patogeni. In particolare il tessuto polmonare malato può riempirsi di pus o altri liquidi e causare così al paziente difficoltà respiratorie, tosse e febbre. Attualmente sono state registrate più di 50 forme di polmonite, a seconda delle cause scatenanti: polmonite batterica, virale, infettiva, atipica, etc… Logicamente il tipo di cura dipenderà dall’ eziologia della patologia quindi come prima cosa, se si ha un sospetto di polmonite, bisogna recarsi dal medico al fine di ottenere una diagnosi accurata.

Una polmonite batterica o da mycoplasma sarà curata con antibiotici per uso orale. Il medico sceglierà il farmaco e la posologia da somministrare tenendo conto di molteplici fattori tra i quali l’età, lo stato di salute generale, i sintomi e la loro gravità. Di solito comunque viene scelto un antibiotico a largo spettro e solo nel caso in cui non si riscontrino miglioramenti, vengono somministrati antibatterici capaci di agire su particolari forme batteriche accertate attraverso ulteriori e più specifiche analisi.

La polmonite virale invece, dovrà essere curata con farmaci antivirali e quella da funghi con farmaci antimicotici.

Spesso la polmonite può essere curata a casa propria e solo i casi molto gravi nasce l’esigenza di un ricovero ospedaliero. Vediamo allora quali accorgimenti per accelerare il processo di guarigione:

  • Riposare il più possibile: anche se cominci a sentirti meglio dopo qualche giorno, aspetta di essere guarito completamente prima di ritornare a svolgere tutte le normali attività quotidiane e se fumi sappi che la tu convalescenza durerà di più.

  • Bere molto: l’acqua ti mantiene idratato e scioglie il catarro presente nei polmoni.

  • Completa il ciclo di cure che ti è stato prescritto: questo è molto importante per evitare ricadute.