Come curare la psoriasi

La psoriasi è una malattia infiammatoria, ereditaria, cronica e non contagiosa molto spesso caratterizzata da fasi di miglioramento e di ricaduta. Si tratta di una malattia autoimmune che, in sostanza, porta il sistema immunitario a non riconoscere alcune cellule dell’organismo.

In linea di massima, la psoriasi colpisce in età giovanile ma può insorgere anche in seguito, generalmente tra i 50 e i 60 anni.

Prima di vedere come curare la psoriasi, è bene fare chiarezza sulle cause e sui sintomi.

 

Come curare la psoriasi: le cause e i sintomi

Come detto precedentemente, la psoriasi è una malattia di tipo ereditario, il che significa che le persone che ne vengono colpite hanno generalmente una predisposizione genetica. Tuttavia ci sono alcuni fattori che possono “scatenare” la malattia, come ad esempio infezioni o l’assunzione di determinati tipi di farmaci. Generalmente la psoriasi si acutizza nei momenti di stress e si manifesta in particolari zone del corpo come i gomiti, le ginocchia, il cuoio capelluto e la regione sacrale.

La psoriasi può manifestarsi in diversi modi; in piccoli elementi puntiformi, in lesioni più o meno ampie e in vere e proprie placche che possono avere anche dimensioni importanti.

I sintomi più comuni che testimoniano quindi l’insorgere della psoriasi sono:

  • Macchie più o meno squamose
  • Puntini neri uniformi

 

Come curare la psoriasi: i trattamenti

La psoriasi è, come visto, una malattia che alterna fasi di miglioramento con fasi di ricaduta, e questo perché ad oggi non è stato ancora possibile trovare una cura che risulti efficace in maniera definitiva.

Come curare la psoriasi quindi?

La prima cosa da dire è che per curare la psoriasi bisogna sempre affidarsi a un medico, il quale sarà in grado di scegliere la migliore terapia a seconda del differente stadio della malattia, dell’età e del sesso del paziente.

E’ fondamentale affidare la scelta della terapia a un medico specializzato in quanto alcuni farmaci che generalmente vengono utilizzati per curare la psoriasi potrebbero presentare delle controindicazioni o degli effetti collaterali più o meno gravi.

E’ pertanto necessario non adottare mai delle cure “fai da te” ma rivolgersi sempre a un medico che sarà in grado di individuare il miglior trattamento.

Detto questo, in generale, la psoriasi si cura con due diverse tipologie di trattamenti a seconda dello stadio della malattia.

Per forme molto lievi di psoriasi, si preferiscono nella maggior parte dei casi farmaci topici, ovvero farmaci da utilizzare solo sulle parti interessate, mentre per le forme di psoriasi più gravi ed estese si preferisce adottare delle terapie sistemiche.

Sia i trattamenti di tipo locale che quelli di tipo sistemico, devono essere effettuati con una certa ciclicità e in maniera non continuativa al fine di limitare i rischi di tossicità che trattamenti di questo tipo, portati avanti per un periodo di tempo troppo lungo, potrebbero comportare.

Per quanto riguarda i trattamenti topici per curare la psoriasi, generalmente si utilizzano prodotti in gel a base di acido acetilsalicilico o di catrame, vale a dire prodotti che aiutano a “rimuovere” le placche e a mantenere la pelle sufficientemente idratata. Molto utilizzati per curare la psoriasi sono anche i prodotti a base di cortisone che generalmente agiscono in maniera repentina ma il cui utilizzo a lungo tempo è sconsigliato.

Molto spesso sia alla terapia sistemica che a quella locale sono associate anche fototerapie, vale a dire terapie a base di radiazioni ultraviolette, anche queste da praticare solo sotto stretto controllo medico.

Per curare la psoriasi è molto importante anche mantenere sempre ben idratata la pelle, per questo si consiglia di utilizzare creme idratanti che assicurano l’elasticità della cute e contribuiscono a eliminare le piccole lesioni.