Come curare le begonie

Se volete creare un bell’ angolo fiorito su un balcone, in terrazza o in casa, ma non avete abbastanza tempo da dedicare alle piante, una buona soluzione è quella di scegliere di coltivare le begonie. La pianta della begonia fa dei fiori vivaci e variamente colorati che possono andare dal bianco, al rosso, al giallo o al rosa, e che fioriscono da giugno ad ottobre. Vediamo assieme quindi quello di cui hanno bisogno e quindi come curare le begonie:

Nel suo ambiente originario, la begonia è una pianta tropicale da sottobosco, in appartamento quindi andremo a posizionarla in un luogo luminoso, sopporta la penombra, ma ha bisogno dei raggi del sole. E’ opportuno riparare queste piante dalle correnti d’aria a cui sono particolarmente sensibili. La temperatura ottimale dell’accrescimento della begonia è di quindici gradi durante tutto l’arco dell’anno, ma riescono a vivere anche con temperature inferiori intorno ai 10 gradi. Dalla primavera all’estate le begonie vanno annaffiate spesso, a seconda della temperatura esterna, avendo cura però di far asciugare il terriccio tra un’innaffiatura e la successiva. In estate è molto importante vaporizzare le foglie per fornire la giusta umidità, e andremo ad effettuare una cimatura, eliminando le i fiori e i rami essiccati in modo tale che la pianta non si diradi e cresca sempre in modo omogeneo. Infatti, la begonia è una pianta che non si pota, ma di cui si eliminano solo le foglie secche. Durante il periodo invernale, invece, le innaffiature vanno ridotte drasticamente e bisogna aspettare che il terriccio è completamente asciutto. La begonia è una pianta che non è soggetta all’attacco di insetti, ma spesso in primavera, a causa dell’ elevata temperatura e umidità, è attaccata dai funghi, sotto forma di muffa che ricopre le foglie, le quali poi si seccano e cadono. In questo caso rimedieremo utilizzando un fungicida pronto all’uso. Il rinvaso delle begonie va fatto da marzo a luglio, quando il vaso è diventato un po’ troppo piccolo per contenere la pianta e quindi andremo ad utilizzare un vaso di dimensione più grande ed un terriccio specifico per piante fiorite. Per ottenere un buon drenaggio, andremo a posizionare dell’argilla espansa sul fondo del vaso dove metteremo sempre un filo d’acqua, che evaporando darà una giusta umidità alla pianta. Inoltre, per esaltare la bellezza della pianta e favorire l’emissione di nuovi fiori colorati, è molto importante fornirgli gli elementi nutritivi necessari tramite la concimazione del terreno o delle foglie che viene effettuata ogni quindici giorni in estate e una volta al mese in inverno.