come curare le piante grasse

Piante tanto resistenti quanto eleganti e belle, le piante grasse per fortuna hanno bisogno di poca cura e si adattano facilmente sia agli ambienti interni che a quelli esterni. Non bisogna però approfittare della loro resistenza per tale ragione di seguito elencheremo alcuni consigli utili per far crescere nel migliore dei modi le nostre piante grasse. Come abbiamo già detto le piante grasse si adattano bene sia agli ambienti esterni che quelli interni, questo è dovuto anche al fatto che il loro habitat naturale prevede inverni freddi e secchi ed estati molto calde e umide. È noto che tali piante durante l’inverno vadano in riposo vegetativo e così facendo possono sopportare anche temperature prossime ai -10°C l’unica cosa alla quale dovrete fare attenzione è l’umidità. Questo fatta eccezione per le piante che provengono dalla fascia tropicale che devono essere messe all’interno della casa e nebulizzate costantemente affinché si crei un ambiente umido. Durante l’inverno infatti le piante non devono essere irrigate, perché vivono grazie a quella raccolta durante l’estate e grazie all’umidità dell’ambiente circostante.

Se fanno i fiori fate attenzione a non bagnarli perché potrebbe marcire la pianta a livello dell’apice vegetativo. Bisogna anche fare attenzione all’acqua che si usa perché le piante grasse della famiglia delle succulente non vogliono il calcare. Se infatti, usate l’acqua di rubinetto ricca di calcare si rischia di modificare il pH del terreno e causare forti danni alla pianta. Per evitare che ciò accada potete far bollire l’acqua che utilizzerete fino a che non si formi un deposito solido. Fatela raffreddare e poi filtratela questa procedura serve a separare il calcare dall’acqua. Potete conservare l’acqua filtrata in delle bottiglie per diversi mesi.

Una delle cure delle piante è il rinvaso che va effettuato al momento dell’acquisto e ogni due anni. Come ben sapete ogni pianta ha bisogno di un particolare terreno. Le piante grasse hanno bisogno di un terreno drenante tipo la sabbia. Per preparare il terreno per il rinvaso quindi dovete assicurarvi di aggiungere al terriccio universale importanti quantità di sabbia, sassi grossi di pozzolana, ghiaia o argilla espansa. Fatto ciò, durante il rinvaso, tagliate le radici secche o troppo lunghe utilizzando una lama pulita e disinfettata.