Come curare una contrattura

La contrattura è l’accorciamento o l’ irrigidimento dei muscoli, pelle, o tessuti che si traduce in una diminuzione del movimento. Ti sei mai svegliato la mattina dopo una giornata di intenso esercizio fisico e aveva problemi a raddrizzare le gambe ? Questa  sensazione, se passeggera, è assolutamente naturale ma, se questa sensazione non è andato via, questo stato prolungato di tessuto dolente, si chiama contrattura. Può interessare la pelle, o uno qualsiasi dei tessuti connettivi, come tendini e legamenti. Questi tessuti sono naturalmente elastici, tuttavia, a volte  diminuisce la gamma di movimento in quella zona. La contrattura può  essere causato da disturbi cerebrali o nervosi, come la paralisi cerebrale, ictus, o poliomielite, così come malattie ereditarie, come la distrofia muscolare. danni ai nervi, cicatrici da trauma (come una ferita o bruciare), e disturbi  da infiammazione (come l’artrite reumatoide). Vediamo insieme allora come  curare una contrattura:

in caso  di contrattura chiaramente si  consiglia  di recarsi al pronto  soccorso, dove probabilmente vi verrà eseguito un trattamento manuale, ovvero  stretching, terapia del calore e l’esercizio fisico. L’insieme di queste tecniche possono ripristinare la mobilità e lenire il muscolo critico. Esiste anche il trattamento meccanico che  ricorre all’utilizzo continuo di macchine per il movimento passivo per aumentare la mobilità. Questi macchinari sono spesso utilizzati dopo un intervento chirurgico o subito dopo un infortunio e hanno dimostrato di accelerare il processo di recupero. Nei casi più  seri  si può decidere di ricorrere alla chirurgia, quando tutte le altre opzioni di trattamento sono state inefficaci.