Come dare le dimissioni

Nella  realtà  attuale, soprattutto nel nostro paese, da  qualche anno a  questa parte purtroppo assistiamo ad una crisi economica molto accentuata, inoltre non ci sono posti di lavoro ed i giovani disoccupati, magari anche laureati sono spesso alla ricerca di un impiego. Questa  triste situazione inoltre, non riguarda soltanto i più giovani,  ma  anche padri di famiglia magari o persone che hanno perso il loro impiego ed adesso hanno difficoltà  a trovarne  un altro. Questa  situazione che ahimè colpisce un pò tutti, porta a scellerati datori di lavoro ad approfittarsene nel senso che, essendo tra i pochi  ad offrire un lavoro oggi, credono di potersene approfittare, sfruttando le persone, magari facendole lavorare senza contratto, sottopagandole o facendole lavorare per più ore rispetto a  quelle previste dalla legge e così via. In una situazione del genere pertanto, può far sorridere che qualcuno voglia dimettersi visti i tempi che corrono. Ma in realtà siamo esseri umani ed in quanto tali andiamo rispettati, troppe volte infatti le condizioni di lavoro proposte sono assurde  e  magari per disperazione e spirito di sopravvivenza  accettiamo pure ma per poi dimetterci quando non ne possiamo più o se, fortunatamente per noi troviamo qualche lavoro migliore. Vediamo insieme allora in questi casi, come dare le dimissioni:

la prima regola da rispettare e quella di essere corretti sempre e comunque, anche se magari il vostro datore di lavoro ed i vostri colleghi non  sono stati molto carini con voi, è sempre brutto restare in cattivi rapporti o lasciare un brutto ricordo di se. Evitate pertanto di comunicare le  vostre dimissioni e non andare a lavoro già il giorno dopo, cercate di dare sempre un certo preavviso, tra le  altre cose infatti, molti contratti vi obbligano al preavviso, attenzione quindi a non incorrere in qualche penale da pagare . Altra cosa da evitare assolutamente è di sparire, sarebbe davvero di cattivo gusto da parte vostra, ma  a viso  aperto, senza troppi sotterfugi o tono polemico spiegate al vostro capo (ormai ex) le ragioni che  vi  spingono a  dare le  vostre dimissioni.