Come dipingere casa

La casa è il luogo più importante per ognuno di noi, il posto nel quale viviamo la nostra quotidianità e che, pertanto, deve essere un perfetto riflesso della nostra personalità.

Ecco perché quando ci si trasferisce in una nuova casa è necessario arredarla con estrema cura, aggiungere quei dettagli e quei tocchi personali che la rendono realmente nostra.

Prima dell’arredamento, però, c’è un altro “tocco” che conferisce alla nostra abitazione una connotazione del tutto personale: la tinteggiatura.

I colori che scegliamo per gli ambienti nei quali viviamo sono lo specchio del nostro essere, tuttavia anche nella scelta delle tinte per le pareti di casa bisogna tener conto di una serie di fattori importanti.

 

Quindi, come dipingere casa?

La prima cosa da tener presente è che la scelta dei colori e del loro abbinamento è molto importante, poiché i colori svolgono una funzione molto importante nelle nostre case; creano o limitano la luminosità, contribuiscono ad ampliare o rimpicciolire lo spazio, esercitano un potere rilassante o “eccitante” e così via.

In più la scelta della pittura con la quale dipingere casa deve tenere conto, oltre che del gusto personale, anche dell’ambiente per il quale viene adoperata, senza dimenticare che ogni tinta ha anche delle  proprietà specifiche; in linea di massima i colori più forti e decisi sono quelli che stancano più facilmente, mentre quelli più tenui riescono ad animare un ambiente e a non stancare.

 

Come dipingere casa: i colori

Come detto i colori hanno delle proprie peculiarità, per questo quando ci si accinge a scegliere la tinta per la propria casa, bisogna conoscere perfettamente le caratteristiche di ogni colore.

Vediamo, quindi, quali sono le “proprietà” dei colori più utilizzati per dipingere casa:

  • Bianco: Il bianco è un colore molto luminoso, sempre di moda e che da spazio. Tuttavia una parete bianca si sporca molto più facilmente rispetto ad una colorata e inoltre, se non adeguatamente abbinata ad accessori, può risultare abbastanza piatta e noiosa
  • Giallo, arancione e rosso: Sono tre colori molto caldi e che conferiscono “energia” agli ambienti; tutte le sfumature di queste tinte sono portatrici di luminosità e allegria
  • Blu, viola e verde: Sono tre colori freddi che conferiscono agli ambienti un aspetto molto rilassante, oltre a dare l’impressione di spazi più ampi
  • Rosa e lilla: Si tratta di tinte certamente particolari che, soprattutto se utilizzate nelle sfumature più forti, come il fuxia o il rosa shocking, danno agli ambienti un tocco estremamente personale

 

Come dipingere casa: ad ogni ambiente il suo colore

I colori non possono essere adoperati in maniera indistinta, ma vanno modulati in relazione alla funzione dell’ambiente.

Se dovete dipingere casa tenete quindi conto di queste indicazioni:

  • Cucina: Si tratta di una delle stanze più importanti di una casa, di una zona da giorno che in quanto tale è bene dipingere con colori caldi come il giallo o l’arancione; se non amate queste tinte potete allora optare per un blu
  • Soggiorno: Il soggiorno è un’altra stanza molto importante, il luogo ove solitamente accogliamo ospiti e amici; i colori ideali sono pertanto quelli caldi ma sempre nelle tonalità più accese
  • Camera da letto: Per le stanze della zona notte, sono da preferire le tinte fredde in quanto inducono al rilassamento e al riposo; per le stanze dei bambini è sempre preferibile utilizzare colori più accesi in quanto questi stimolano le attività
  • Bagno: Anche per il bagno preferite le tinte forti, spaziando dal rosa al viola sino al lilla
  • Ingresso: L’ingresso ha invece bisogno di colori che sottolineino la luminosità; va benissimo quindi il bianco che dona luce e ampiezza visiva
  • Zone di servizio: Per spazi come gli sgabuzzini o le lavanderie potete utilizzare le tinte che più amate, in quanto si tratta di posti meno frequentati, quindi potete optare anche per colori shock

 

Come dipingere casa: l’importanza di un “progetto”

 

Per dipingere casa dovete ovviamente tenere ben a mente un progetto definito in modo da non creare solo un grosso guazzabuglio di colori.

Le alternative sono essenzialmente due:

  • Casa monocromatica: In questo caso potete dipingere la vostra casa di un solo colore, “spezzandolo” di tanto in tanto con accessori in modo da evitare che risulti monotono
  • Casa policromatica: In questa ipotesi potete dipingere la vostra casa in due o più colori, optando per due tipologie di accostamenti; contrastante, cioè un colore caldo e uno freddo, complementare, cioè abbinando due tinte affini. Se scegliete l’accostamento contrastante allora potete abbinare tinte come il bianco e il rosso, il bianco e il blu, il verde e il giallo, mentre l’accostamento complementare prevede abbinamenti come il viola e il lilla, il blu e l’azzurro e così via

 

Come dipingere casa: scegliere la pittura

Una volta che il vostro progetto è realizzato bisogna acquistare la pittura. In commercio ne esistono di diversi tipi. I più comuni sono:

  • Idropittura: Si tratta di una pittura formata principalmente da acqua ed è quindi sconsigliata per gli ambienti umidi. L’idropittura è atossica e quindi ideale per gli ambienti interni
  • Pittura acrilica: La pittura acrilica è invece tossica e molto difficile da rimuovere
  • Idropittura traspirante: Questo tipo di vernice è ideale per gli ambienti umidi in quanto non soggetta a condensa
  • Pittura isolante: E’ la più costosa delle vernici ma anche quella che garantisce i risultati migliori, in quanto oltre a colorare svolge anche un effetto isolante sia termico che acustico sulle pareti