Come disidratare la frutta

La frutta come è noto fa  benissimo alla salute, essa è infatti ricca di vitamine, antiossidanti, fibre e sali minerali, indispensabili per il corretto funzionamento del nostro organismo, non a caso infatti, fin da bambini vi sarete sicuramente sentiti ripetere centinaia di volta di mangiare tanta frutta ( e verdure), o avrete ascoltati frasi come ” una mela al giorno toglie il medico di torno”, in effetti grazie alle sostanze preziose contenute nella frutta, preserviamo il nostro corpo, rinforzando le difese immunitarie per evitare di ammalarci, abbiamo il giusto grado di energie per affrontare la vita di tutti giorni, evitiamo soprattutto di ammalarci e perchè no, curiamo anche la nostra bellezza, del resto grazie alle vitamine ed agli anti-ossidanti manteniamo la nostra pelle fresca e giovane. Il periodo estivo è quello in cui viene prodotta la frutta migliore, un’ ottima idea allora per disporre di ottima frutta per tutto il resto dell’ anno, potrebbe essere quella di fare le conserve.  Potremmo preparare delle marmellate o della frutta sciropata ad esempio, o potremmo essiccare la frutta, per non intaccarne i valori nutritivi e le proprietà organolettiche, questo è l’ unico sistema infatti che non intacca la frutta e non consente il proliferarsi di germi e batteri, in quanto, disidratando la frutta, andiamo a togliere il terreno fertile ai batteri, l’ acqua infatti è il loro habitat. Vediamo allora come disidratare la frutta:

La disidratazione della frutta può avvenire in due modi, ovvero mediante un essiccatore se lo possedete, il quale attraverso la produzione di un forte getto d’ aria calda, essicca la frutta, oppure come facevano le nostre nonne, potreste esporre la frutta pulita e tagliata al sole, dovrete però fare attenzione agli insetti, a tal proposito può essere utile coprirla con del tulle. Dopo aver  disidratato la frutta, potrete usarla tutto l’ anno, magari mescolata  ai cereali per mangiarla  a colazione o per uno spuntino light, o semplicemente reidratandola.