come farcire le piadine

Le piadine sono speciali involtini tipici della regione italiana dell’ Emilia Romagna, anche se ormai le piadine sono amate e preparate in tutto il mondo, oltre che nelle altre regioni d’ Italia, del resto p la prima piadina ha origini antichissime, risalenti addirittura all’ epoca degli Etruschi e vive il suo boom negli anni 40-50, con il diffondersi della moda dello street- food.. Si tratta di una fragrante sfoglia, cotta in passato sulla terracotta, ora nelle apposite piadinerie ( o a casa nello stampo) farcita nelle maniere più disparate che viene poi arrotolata prima di esser servita. Gli abbinamenti possibili sono praticamente infiniti e se anche voi avete voglia di mangiare una, vediamo insieme come farcire le piadine:

cominciamo quindi dalla preparazione della piadina, per 4 piadine vi servono mezzo kg di farina, 75 gr di strutto, 2 gr di bicarbonato di sodio, 6 gr di sale e 200 di acqua. Disponete la farina setacciata in un recipiente, poi unite il bicarbonato e lo strutto e cominciate ad impastare, poco per volta, unite l’ acqua salata e impastate per 10 minuti, quindi coprite con un panno umido e lasciate riposare il composto per mezzora. Poi dividete l’ impasto in 4 parti e stendete ognuna d queste con l’ aiuto di un matterello fino a renderle spesse circa 5 mm. Prendete una padella antiaderente e lasciate cuocere le vostre piadine da tutti e due i lati per circa 10 minuti, punzecchiando la superficie di tanto in tanto con i rebbi di una forchetta. Quando le piadine saranno pronte potrete farcirle in base ai vostri gusti personali. Le farciture classiche prevedono formaggio spalmabile, rucola e speck o salmone, pomodorini, lattuga e maionese, prosciutto cotto e formaggio a fette o altri affettati uniti a salumi. Alcuni le farciscono anche con gorgonzola e granella di noci o addirittura con il cioccolato o la marmellata!