Come fare gli onigiri

Gli onigiri, ovvero gli sfiziosi triangolini di riso con un pezzetto di alga alla base, sono uno dei piatti tipici della tradizione giapponese, tanto amati negli ultimi tempi anche nei paesi occidentali, grazie anche alla diffusione dei manga giapponesi e dei films in cui si vedono spesso queste pietanze. Vediamo allora come fare gli onigiri:

come prima cosa dovrete procurarvi tutto il necessario per realizzare la ricetta, ovvero per 2 persone 200 g. di riso orientale a  chicco tondo, 10 quadrati dell’ alga Nori, 100 g. di salmone affumicato, semi di papavero q.b.

Con gli ingredienti alla mano cominciate a riempire una pentola con poca  acqua ed il riso (l’ acqua dovrà appena coprirlo), non aggiungete il sale e mettete a  cuocere sul fuoco. Quando l’ acqua raggiungerà il punto di ebollizione, lasciate cuocere ancora per 10 minuti, quindi scolate il riso, poi riempite nuovamente la pentola con dell’ acqua e portate a d ebollizione, a  quel punto adagerete su di essa un apposito cestino o grata per la cottura al vapore, sul quale disporrete il riso, poi coprite con l’ apposito coperchio per terminare la cottura, ancora per 20 minuti. Trascorso il tempo necessario, stendete il riso su di un piatto e lasciate che si raffreddi completamente. Quando il riso è freddo asciugatelo a  dovere, aiutandovi con un canovaccio pulito, oppure con qualche strappo di carta assorbente. A questo punto cominciate a prendere un po di riso in mano e schiacciatelo delicatamente, poi al centro posizionateci un pezzetto di salmone ( o verdure se preferite), richiudete con il riso e modellate con le mani la classica forma triangolare degli onigiri. A questo punto, alla base del vostro triangolo di riso ripieno, disponete un quadratino di alga Nori, poi spolverate con qualche seme di papavero, impiattate e servite pure.