come fare i cavatelli

I cavatelli sono una tipologia di pasta, che è figlia della tradizione del sud Italia. Si tratta di un formato di pasta corto, ripiegato, con un incavo centrale, ideale per “raccogliere” il sugo. Possiamo acquistare i cavatelli direttamente al supermercato sia freschi che secchi, ma la tradizione prevede che questi siano preparati in casa, impastandoli a mano. Se anche voi desiderate prepararli con le vostre mani, proprio come vuole la tradizione, vediamo insieme come fare i cavatelli:

per preparare mezzo chilo di cavatelli vi occorreranno 125 gr di farina 00, 125 gr di farina di semola rimacinata, 130 gr di acqua ed un cucchiaio di olio extra-vergine di oliva.

Dopo esservi procurati tutti gli ingredienti, cominciate pure a dar vita ai vostri cavatelli, mescolando insieme le due tipologie di farina, le disporrete poi a fontana su di una spianatoia e con la mano, scaverete un buco al centro della farina, nel quale disporrete l’ acqua, poco alla volta, per impastare. Lavorate a lungo l’ impasto in quanto questo accorgimento sarà ripagato nell’ ottima resa della ricetta, solo in ultimo poi, per rendere l’ impasto più morbido, aggiungete l’ olio extra-vergine di oliva e continuate ad impastare fino a quando l’ impasto risulterà sotto le mani liscio e morbido, quindi appallottolatelo, avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciate riposare un quarto d’ ora. Trascorso il tempo necessario, prelevate un pezzo di pasta per volta e lavoratelo in forma tubolare, da dividere a sua volta in tanti tocchetti. Ciascun tocchetto dovrà assumere la caratteristica forma, schiacciandolo con il dito e trascinandolo sulla spianatoia infarinata, man mano che li preparare poi, adagiate i cavateli su di un vassoio cosparso di semola, lasciateli seccare un paio d’ ore e cuoceteli in acqua bollente per 7-8 minuti, scolateli e conditeli con il sugo che preferite.