Come fare i fotomontaggi in tre passi: Fotomix

Il fotoritocco è un passatempo divertente, utile anche per imparare alcuni applicativi e software a fini lavorativi. Vediamo come fare i fotomontaggi.

Come fare i fotomontaggi

Il fotoritocco a livello professionale viene utilizzato da grafici esperti servendosi di applicativi e software professionali, Photoshop su tutti.

Per gli amatoriali del fotoritocco, è bene sapere che in rete esistono anche delle versioni opensource dei software per fare i fotomontaggi, completamente gratutite e più semplici da utilizzare, come ad esempio Gimp.

Per fare i fotomontaggi, occorre di solito ‘montare’ insieme due fotografie o immagini, mischiandole tra loro e sostituendone alcuni particolari con altri, come ad esempio volti o sfondi, creeando caricature divertenti o rimuovendo alcuni difetti.

Un programma molto semplice da utilizzare per fare fotomontaggi è Fotomix.

Come fare un fotomontaggio con Fotomix. Semplice: basteranno tre semplici step.

Dopo aver scaricato gratuitamente il software, installatelo e, una volta aperto, cliccate su ‘Start a New Project’ per iniziare il vostro fotomontaggio. Potete, cliccando ‘Import’, caricare una fot dal vostro computer. Avete appena terminato il primo passo.

Di questa foto è possibile ritagliarne un pezzo, ridimensionarla e applicarci diversi effetti.
Il secondo passo, per fare un fotomontaggio, è quello di inserire un’altra foto sopra questa cliccando in alto sulla voce ‘Foreground’.

In questa occasione si può scegliere se ritagliare la foto, girarla, se prenderne solo una parte e se, cominciare da subito a rimuoverne l’eventuale sfondo, in modo che poi si possa adattare alla foto di background scelta prima.

Successivamente, come terzo passo, bisognerà comporre le due foto.

Con Fotomix, il lavoro dirifinitura per creare il fotomontaggio si può fare usando un banale pennello.

Quando infatti si sovrappone la foto su un’altra, è possibile cliccare su ‘FadeBrush’, scegliere una dimensione del pennello, zoommare la foto per vedere bene i pixel e applicare un effetto di trasparenza alla parte che non interessa della foto in sovraimpressione.

Al termine, all’ultima fase, si fanno i ritocchi finali.