come fare il caffè

 Il caffè è una bevanda consumata ed amata in tutto il modo, partendo dall’ Italia dove, in particolar modo nella città di Napoli, esso viene consumato rigorosamente ristretto, per arrivare ad altri paesi dove viene consumato diluito con molta acqua, o con la polvere di caffè depositata sul fondo della tazza. Al di la delle specificità culturali il caffè è una bevanda che davvero non può mancare, la mattina appena svegli ad esempio per ritrovare l’ energia dopo il riposo, per un piacevole break a lavaro, o dopo un pasto abbondante per evitare di addormentarci, il caffè inoltre è il fedele alleato dei nottambuli, dei ragazzi che preparano gli esami e necessitano di stare svegli molte ore per studiare e di chi semplicemente ne ama il sapore ed ha il piacere di offrire una tazzina di caffè ad un amico e scambiare quattro chiacchiere in compagnia. Il metodo più utilizzato per fare il caffè è la moka, invenzione italiana degli anni 30′ , nome bizzarro, preso in prestito dalla omonima città di Moka nello Yemen, dove si coltiva il caffè migliore al mondo a detta di molti, ma negli ultimi anni si sono diffusi innumerevoli apparecchiature per fare il caffè, il quale diventa sempre più simile a quello del bar. Preparare un buon caffè è una vera e propria arte, condizionata inoltre da innumerevoli fattori, vediamo insieme allora come fare il caffè:

il principio che permette al caffè di “salire” sprigionando il suo aroma è che l’ acqua riscaldandosi produce vapore che poi va ad impregnarsi nella polvere di caffè, ma per venire davvero buono bisogna seguire dei passaggi precisi:

  • dovete riempire la parte di sotto della moka con dell’ acqua fredda, fino alla valvola

  • inserite il filtro ed eventualmente asciugate l’ acqua che passa attraverso i forellini

  • riempite con del caffè di ottima qualità macinato, fino all’ orlo, ma senza schiacciare

  • richiudete quindi la moka e portatela sul fornello accendendo la fiamma che dovra esser dolce

  • quando il caffè è salito tutto, prma di versare nelle tazzine, mescolate con un cucchiaio in modo tale che non si avvertirà alcuna differenza tra il caffè salito prima e quello che è salito per ultimo

  • infine, se lo gradite, dolcificate.