Come fare il criscito

Il criscito  è un agente lievitante, molto usato in passato, ma  riscoperto negli ultimi anni  anche  dalle  nuove  generazioni, che si utilizza per la realizzazione di pane, dolci e pizze, che si ricava da un pezzo di impasto che si  lascia a fermentare per alcuni giorni, per ovvie ragioni quindi, non possiamo trovarlo in commercio ( anche se negli ultimi anni è possibile trovare qualcosa di molto simile) ma lo si produce in casa con le proprie  mani o lo si riceve in dono, tramandandolo di generazione in generazione.

Questo tipo di lievito ha il notevole vantaggio, oltre ad essere molto economico, di rendere gli impasti particolarmente soffici e delicati, inoltre questo lievito, se opportunamente curato o “rinfrescato” come si suol dire, dura negli anni e non deperisce mai. Esso secondo la tradizione è da considerarsi un organismo vivente a  tutti gli effetti, ragion per cui in molti sono soliti dargli un nome e regalarne pezzetti ad amici e parenti. Questo lievito comunque ha origini antichissime e pare sia nato per caso   nel 2000 a. C., ad opera degli egiziani, i quali lasciarono esposto al sole un pezzo di impasto per il pane azzimo  e questo cominciò  a  gonfiarsi, fermentando e dopo, cuocendolo, si accorsero che esso era più morbido e gustoso. Se anche voi allora, desiderate preparare questo lievito in casa, più digeribile, naturale  e leggero, vediamo insieme come fare il  criscito:

cominciate a preparare il criscito mescolando una parte di  acqua con due di farina ed un attivatore come un cucchiaio di  miele o pezzetti di mela, poi i batteri e i lieviti arriveranno da soli e  trasformeranno gli zuccheri del composto in acidi. A questo punto  staccatene  un pezzo e rinfrescatelo, l’ indomani aggiungete farina, acqua e miele, poi potrete utilizzarlo tutto ed aggiungere acqua, e farina e  lasciar lievitare per 5-8 ore, poi staccatene un pezzo da conservare. Per quanto riguarda la conservazione, dovrete metterlo in un barattolino di vetro per conserve e riporlo in frigo e nutrirlo una volta alla settimana. Dovrete continuare per almeno 15 giorni per  renderlo abbastanza “forte”.