Come fare il formaggio vegan

Il parmigiano reggiano è il formaggio stagionato più famoso ed imitato al mondo, esso si una a  scagliette per farcire primi piatti e pizze o per esser degustato tal quale o nel suo più classico impiego, ovvero quello di condimento per la pasta una volta grattugiato. Per chi per ragioni di intolleranze o per la nobilissima scelta etica di diventare vegano, rinunciarvici può essere davvero difficile, essendo abituati al suo buon sapore. Vi proponiamo allora qualche idea per sostituirlo, certo non otterrete un prodotto identico o che gli somigli, ma quanto meno che lo ricordi, in modo tale che la pasta o il risotto non risultino “vuoti”. Vediamo allora come fare il formaggio vegan:

una prima sostituzione possibile apporterà al vostro organismo anche ottimi quantitativi di vitamine, Sali minerali e grassi e la si prepara inserendo all’ interno di un tritatutto 4 cucchiai di mandorle pelate, 50 g. di semi di sesamo ed una presa di sale, quindi azionate il tritatutto alla massima potenza e lasciatelo lavorare fino all’ ottenimento di una polvere sottile ed avrete ottenuto un condimento per i vostri piatti davvero delicato e sfizioso. In alternativa, se preferite un sapore più deciso e ricco di gusto, potreste fare il vostro formaggio vegan con un’ altra ricetta, la quale prevede che disponiate all’ interno del tritatutto 100 g di anacardi, 10 g. di pinoli, 20 g. di noci, della noce moscata e 70 g. di lievito di birra in scaglie ed azionare il tritatutto alla massima velocità, fino ad ottenere la grana delle polveri desiderata. A seconda dei gusti personali è possibile sostituire la tipologia di frutta secca e semi, ad esempio anche i semi di lino ed i semi di zucca si prestano allo scopo. Una volta preparato è possibile conservare il formaggio in frigorifero all’ interno di un contenitore di vetro dotato di chiusura ermetica.