Come fare il limoncello

Il limoncello è un liquore italiano, apprezzato in tutto il mondo, esso solitamente viene servito a  fine pasto come digestivo o come accompagnamento  a deliziosi dessert o a tagliate di frutta. Il limoncello può essere acquistato in quasi tutti i supermercati e nei negozi di liquori, oppure può essere preparato in casa secondo la tradizione, possibilmente scegliendo delle ottime materie prime, come i limoni della costiera sorrentina. Vediamo allora nel dettaglio come fare il limoncello:

per prima cosa procuratevi tutti gli ingredienti necessari e gli utensili utili allo scopo, vale a dire 1 kg. di limoni della costiera  sorrentina ( o in alternativa limoni biologici, non trattati), 1 lt. di alcool puro al 95 % specifico per liquori, 1 kg. di zucchero, 1 lt. di  acqua, due bottiglie di vetro dotate di chiusura ermetica precedentemente sterilizzate.
A questo punto lavate accuratamente i vostri limoni sotto l’  acqua, aiutandovi  anche con una retina, ad operazione ultimata, asciugateli con cura. Prendete quindi un coltello molto affilato e sbucciate i limoni, lasciando la parte bianca della buccia (la quale è amara)  attaccata al limone. Prendete ora il recipiente di vetro e versateci l’ alcol e le bucce del limone, tappate ed avvolgetevi della carta d’ alluminio ( per proteggerlo dalla luce) poi lasciate a  macerare per almeno 10 giorni. Trascorso il tempo utile preparate uno sciroppo portando ad ebollizione l’  acqua in una pentola, nella versate anche lo zucchero, quando lo zucchero si sarà completamente sciolto,  aspettate che si raffreddi ed unitevi l’ alcol che avete preparato e filtrato con cura per eliminare le bucce. Mescolate con cura e versate nelle bottiglie di vetro e lasciate riposare il vostro limoncello per almeno un mese in un luogo fresco e lontano dalla luce. Trascorso questo tempo necessario trasferite le bottiglie in ghiacciaia o in frigo se preferite e servite pure.