Come fare il liquore di alloro

Il laurino è un liquore tipico della tradizione siciliana, preparato fin dalla notte dei tempi dalle mani sapienti delle massaie, le quali si dedicavano loro stessa alla raccolta delle foglie d’ alloro, per poi produrre il delizioso liquore in questione, dal sapore fresco ed intenso, ideale da sorseggiare dopo un lauto pasto per digerire. Oggi l’ alloro viene solitamente acquistato, ma non si è comunque persa la tradizione di preparare il liquore in casa, magari in grossi quantitativi, in modo tale da poterne anche regalare ad amici e parenti, magari in occasione di una festività. Se anche voi avete voglia di prepararlo, vediamo nel dettaglio come fare il liquore di alloro:

per preparare un ottimo liquore di alloro, ci sono due possibilità, ovvero quella di seguire la ricetta tradizionale, che prevede l’ impiego delle bacche di alloro e quella che prevede la preparazione del liquore a partire dalle foglie della pianta, per ragioni di facile reperibilità. Nel primo caso ci occorreranno 400 gr di bacche di alloro, 600 gr di zucchero, 800 ml di alcol a 95°e 700 ml di acqua. Portate una pentola sul fuoco, dove avrete disposto l’ acqua e lo zucchero, poi quando questa bollirà trasferite lo sciroppo in una bottiglia di vetro ed aiutandovi con un imbuto, aggiungete anche l’ alcool e le bacche di alloro, quindi chiudete il tappo e riponete in un luogo buio ed al fresco, avendo cura di agitare di tanto in tanto la bottiglia per circa un mese, poi potrete filtrare il tutto e mettere solo il liquido all’ interno della bottiglia che non dovrete cominciare a bere prima di 4 mesi. Se invece avete difficoltà a reperire le bacche di alloro e preferite preparare il vostro liquore direttamente con le foglie, vi occorreranno 600 gr di zucchero, un centinaio di foglie di alloro, 800 gr di alcool a 90° e 500 ml di acqua. Dovrete lasciare le foglie in infusione nell’ alcool in un contenitore di vetro ben chiuso per un mese al buio, poi filtrerete ed aggiungerete lo sciroppo con acqua e zucchero, preparato come nell’ altra ricetta, quindi imbottigliate e bevete dopo 4 mesi.