Come fare il nadalin

Il nadalin è un dolce che poi è stato  successivamente “scalzato” dal più amato e noto pandoro di Verona.  Dopo il 200 questo dolce, più semplice, è stato poi arricchito con uova in più, burro e soprattutto la classica forma, nota a tutti.  Se però desiderate riscoprirne il sapore, magari perchè  siete a dieta  e preferite una versione più leggera del classico pandoro, questa è  sicuramente la ricetta  adatta a  voi. Vediamo insieme allora come fare il nadalin:

per prepararlo cominciate a  mescolare 50 gr di farina 0, 4 gr di lievito di birra fresco, 40 ml di acqua tiepida e lasciate poi a crescere per mezzora in luogo caldo.

Poi mettete versate 350 gr di farina 0, 80 gr di zucchero, il precedente impasto  lievitato, 50 gr di burro, un cucchiaino di miele, un cucchiaino di sale, 2 uova e un tuorlo, il succo di mezzo limone, una bustina  di vanillina, mezza fialetta di aroma mandorla, buccia di arancia grattugiata ed impastate e aggiungete il latte necessario ad ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso per circa 10 minuti.

Appallottolate quindi l’impasto e lasciate lievitare tutta la notte. Il giorno dopo sgonfiate e manipolate l’ impasto e poi poggiatelo su una placca da forno imburrata, poi coprite l’ impasto  con  con una ciotola  e lasciate riposare l’impasto per 45 minuti.

Ora effettuate 2 tagli  in verticale e 2 in orizzontale, ottenendo dei  quadrati,  che  dovrete afferrare e tirare verso l’esterno, ottenendo una stella a 8 punte, poi pennellate con  con albume leggermente battuto, cospargete la superficie con 25 gr di pinoli e 25 gr di mandorle tritati grossolanamente e una manciata di granella di zucchero. Lasciate ancora  a lievitare in un luogo caldo per almeno 2 ore.

Cuocete in forno caldo a 180° per 20/25 minuti. Quindi  sfornate e  servite.