Come fare il pane in cassetta

Il pane in cassetta è una deliziosa preparazione alimentare che può essere utilizzata sia in sostituzione del pane classico, se preferite un pane più morbido e dalla consistenza spugnosa, sia per preparare dei deliziosi panini, dei toast, o in occasione di una piccola festa, può essere utilizzato per realizzare gustose tartine, panettoni gastronomici, tramezzini ecc.. Il pane in cassetta può essere comodamente acquistato già pronto e confezionato, ma se volete preparare voi stessi, un prodotto genuino, con pochi grassi, senza conservanti e personalizzabile  a piacere in base al proprio gusto o alla destinazione di utilizzo, vediamo insieme come fare il pane in cassetta:

innanzitutto dovrete procurarvi tutto il necessario, ovvero 350 g. di farina 00,mezzo cubetto di lievito di birra, 125 g. di latte, mezzo cucchiaino di zucchero, 1 cucchiaino di sale e 3 cucchiaini di olio extra-vergine di oliva.

Con tutti gli ingredienti  a portata di mano cominciate la vostra preparazione sciogliendo il lievito di birra nel latte intiepidito e versatelo nel cratere che avrete realizzato al centro della farina setacciata, disposta a  fontana. Cominciate ad impastare e quando gli ingredienti cominciano ad amalgamarsi, unite anche l’ olio, lo zucchero ed il sale e lavorate l’ impasto per altri 15 minuti almeno, infatti più l’ impasto viene lavorato, più incorpora aria ed è morbido e gustoso. Quando il panetto avrà assunto una consistenza appropriata, appallottolatelo e copritelo con un canovaccio pulito, ponetelo quindi in una zona della casa al riparo dagli spifferi d’ aria e lasciate lievitare per 3 ore ( se non disponete di tre ore potrete posizionarlo in un luogo caldo. Quando la lievitazione sarà avvenuta ed il panetto avrà raddoppiato il suo volume, riprendetelo ed adagiatelo all’ interno di un apposito stampo, spennellate la superficie con un tuorlo d’ uovo ( se volete un pane in cassetta bello lucido e del tutto simile a  quello acquistato) ed infornate a 180° per 40-45 minuti, controllando sempre la cottura, la quale può variare da forno a forno.