come fare il peeling

La pelle è costituita da tre strati: l’epidermide o lo strato esterno, il derma o lo strato centrale e l’ ipooderma o lo strato più interno. A intervalli regolari, lo strato esterno o l’epidermide è completamente sostituito con la pelle nuova. Durante questo tempo, la pelle morta inizia a screpolarsi. Questa è una parte importante e naturale del processo di guarigione. La maggior parte del tempo, questo processo non è visibile per le persone. Tuttavia, in alcuni casi può essere eccessiva la  screpolatura sul viso, le dita e altre parti del corpo. Ciò può avvenire quando la pelle è esposta al sole per periodi prolungati ai raggi ultravioletti nocivi che  hanno danneggiato lo strato superiore. Vediamo insieme allora, al fine  di ritrovare il naturale  splendore della pelle, come fare il peeling:

essendo un forte astringente, il limone ha la capacità di sciogliere le cellule della pelle morta e contribuire a ridurre la screpolatura. Inoltre, le sue proprietà curative sono ottime per la tua pelle. In combinazione con lo zucchero, funziona come un ottimo  scrub naturale per la tua pelle . Mescolare una mezza tazza di zucchero, il succo di mezzo limone e un cucchiaio di miele e olio d’oliva. Applicare questa miscela sulla pelle e strofinare con movimenti circolari per alcuni minuti. Sciacquare con acqua fredda. Ripetere questo rimedio una volta o due volte alla settimana fino a sbarazzarsi della pelle morta. Il cetriolo è un astringente naturale e contiene anche molta acqua che aiuta a mantenere la pelle idratata. Inoltre, il suo effetto rinfrescante aiuta ad alleviare irritazioni e pruriti. La vitamina C nel cetriolo ridurrà anche le scottature e faciliterà la riparazione della pelle. Grattugiate quindi  un cetriolo e applicare la pasta sulla pelle interessata. Lasciarlo in posa per 15-20 minuti e poi sciacquarlo con acqua tiepida. Fai questo due volte al giorno per una o due settimane per mantenere l’ idratazione della pelle adeguata.